06:57 05 Agosto 2020
Mondo
URL abbreviato
126
Seguici su

La protesta di Baku contro la visita di un rappresentante della Repubblica autoproclamata ad Atene.

Il ministero degli Esteri dell'Azerbaigian ha richiamato l'ambasciatore greco a Baku, Dimitrios Tsoungas dopo la visita in Grecia di un ministro dell'autoproclatata Repubblica del Nagorno-Karabakh. Il ministero ha espresso rammarico al diplomatico greco per la visita di Karen Mirzoyan del 13 marzo ad Atene. Essa infatti contraddirebbe i principi di sovranità, indipendenza, integrità territoriale, inviolabilità dei confini contenuti nel memorandum siglato nel 2014 tra Azerbaigian e Grecia.

Da parte sua l'ambasciatore a Baku ha ribadito che la Grecia riconosce e rispetta i principi contenuti nell'accordo e si è impegnato a farsi tramite del disappunto azero con il governo di Atene. Il diplomatico ha però specificato che il rappresentante del Nagorno-Karabakh era in visita privata nel corso della quale non ha tenuto incontri ufficiali con nessuna autorità greca.

L'Azerbaigian contesta l'esistenza stessa del Nagorno-Karabakh dal 1991 e considera come territori occupati quelli ricadenti nella repubblica autoproclamata. Le cui istanze sono rappresentate nel negoziato di pace dall'Armenia.

Correlati:

Nagorno-Karabakh, Armenia commenta con ironia bombardamento delle forze azerbaigiane
Sale la tensione nel Nagorno-Karabakh tra indipendentisti armeni e Baku
Tags:
Nagorno-Karabakh, Azerbaigian
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook