03:06 22 Ottobre 2020
Mondo
URL abbreviato
342
Seguici su

Il Dipartimento di Giustizia americano ha licenziato il procuratore federale di New York Preet Bharara, che in precedenza si era rifiutato di dimettersi volontariamente dall'incarico.

"Non mi sono dimesso. Mi hanno appena licenziato," — ha twittato il magistrato nominato dalla precedente amministrazione Obama.

Bharara ha definito il suo lavoro da procuratore del distretto meridionale di New York "il più alto onore nella mia vita professionale."

​Il giorno prima il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti aveva invitato i 46 procuratori federali nominati dall'ex presidente degli Stati Uniti Barack Obama di rassegnare le dimissioni. Tra di loro c'era Bharara. Secondo i media statunitensi, si era rifiutato di dimettersi volontariamente dal suo incarico.

La CNN ha riferito che nel novembre dello scorso anno Bharara si era incontrato con Donald Trump subito dopo la sua vittoria alle elezioni. Secondo l'ex procuratore, allora Trump gli aveva assicurato che avrebbe mantenuto l'incarico.

Negli Stati Uniti è consolidata la prassi di rassegnare le dimissioni dagli incarichi amministrativi della pubblica amministrazione di nomina presidenziale con l'avvento di una nuova amministrazione.

Correlati:

Casa Bianca: Trump contrastato dall'interno dello Stato americano
Trump accusa Obama: “mi ha spiato prima delle elezioni”
USA, sostenitore di Trump prevede cancellazione del 70% delle riforme di Obama
Tags:
politica interna, Giustizia, Casa Bianca, Barack Obama, Donald Trump, Preet Bharara, New York, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook