09:50 18 Giugno 2018
Bandiera olandese

L'esperto: Wilders è il Trump olandese

© Foto: Flickr
Mondo
URL abbreviato
771

Pochi giorni prima delle elezioni in Olanda Geert Wilders, il politico della destra nazionalista, è sulla bocca di tutti , anche se, ritiene il politologo olandese André Krouwel, la sua vittoria sembra estremamente improbabile. Per 150 posti in Parlamento si danno battaglia 28 partiti, compresi quelli esotici, come "Gesù è vivo".

Per questo è necessario che convinca con il suo programma quel 30% di elettori che non hanno ancora deciso per chi votare. Dei temi che definiscono il suo dibattito politico e del Partito della libertà, Partij voor de Frijhei, parla il politologo della libera Università di Amsterdam.

"Abbiamo analizzato quali argomenti dominano nei media: l'immigrazione, l'integrazione, i rifugiati, la sicurezza e il terrorismo. Nel paese dove sono stati sventati attacchi terroristici, tuttavia questi temi, per quella che io definisco, un' ossessiva attenzione, definiscono l'agenda politica di Geert Wilders. Per questo motivo devo dire che la campagna elettorale, che conduce è molto simile alla campagna elettorale di Trump. Utilizza Twitter e comunica con gli elettori direttamente. In questo modo domina nelle notizie, i suoi temi principali riguardano per metà il contenuto di quello di cui scrivono i media. Se attaccano i suoi tweet, lui non è pronto a condurre il dibattito su un altro livello. Questa tattica funziona dal 2006.

Lo supporta non solo l'elettorato di protesta. La gente pensa davvero che gli immigrati siano troppi. Ritengono che ci sia la necessità di chiudere le frontiere. La pensano così quelli che subiscono la concorrenza dei lavoratori immigrati dall'Est Europa nel segmento inferiore del mercato del lavoro: bulgari, romeni, polacchi, arrivano in cerca di lavoro. Altri sono infelici, perché credono che la cultura con cui arrivano da noi i migranti sia completamente estranea e sentono che il loro ambiente non trasmette più sicurezza. Se altri partiti hanno un elettorato definito — i ricchi scelgono i conservatori di destra e i socialisti hanno il supporto dei lavoratori dal salario medio basso — l'elettorato di Geert Wilders tocca tutti gli strati della popolazione.

Nei sondaggi Geert Wilders con il suo Partito della libertà occupa una posizione di leadership, e a quanto pare, non lo ha danneggiato lo scandalo di pubblicazione di informazioni privilegiate di un dipendente di un'organizzazione a lui vicina. Tuttavia, alcuni sondaggi mostrano un leggero vantaggio del primo ministro Rutte e dei liberali di destra sul Partito per la libertà e la democrazia. Sembra che tutto si riduca ad uno scontro di partiti conservatori di destra, ma lo spettro politico di queste elezioni parlamentari in Olanda è molto più ampio. Quest'anno ci sono 28 partiti, compresi quelli più esotici, come il partito Gesù è vivo.

Vi assicuro, che Gesù in questo paese già non ci vive più, questo partito non riceverà nemmeno un posto in parlamento. Da 28 partiti si passerà a 10 — 11. In parlamento ci sono 150 posti, e per entrare in parlamento è sufficiente ottenerne anche solo uno. C'è un Partito per la protezione dei diritti degli animali, c'è un partito che non vuole che le donne occupino ruoli ufficiali, estremamente conservatore e religioso. Tutte queste minoranze possono entrare in parlamento, perché il  sistema si basa sul fatto che c'è bisogno di rappresentare tutti, comprese le minoranze. Abbiamo un sistema di democrazia consultiva e noi crediamo che ogni voce deve essere ascoltata. Questo rende il processo di gestione estremamente complesso".

Il politologo suggerisce che un ruolo decisivo nel determinare i risultati delle elezioni, a quanto pare, lo giocherà l'elettorato di centro-destra e le promesse che faranno il Partito della libertà, il Partito per la libertà e la democrazia di Rutte e i cristiano-democratici di Sybrand van Haersma Buma. Gli ultimi due partiti conservatori hanno adottato alcuni aspetti delle posizioni di Geert Wilders.

"La maggior parte della popolazione capisce che i Paesi Bassi si basano sul commercio, hanno bisogno di frontiere aperte. Ma c'è una parte della società che ha paura dell'immigrazione. E, naturalmente, i partiti di destra vogliono provare a raggiungere queste persone. Pensano che, copiando la politica di Geert Wilders essi, saranno in grado di mobilitare l'elettorato. Il governo dei partiti di centro destra dovrà formare una coalizione con almeno uno o due partiti progressisti di sinistra e i progressisti di sinistra non supportano questa politica. Anche se la maggior parte degli elettori voterà per il partito dell'establishment politico e Geert Wilders non avrà più del 15% dei voti, questo potrà essere considerato un successo e in Europa può avere conseguenze.

Se 5-10 anni fa  qualcuno avesse detto usciamo dall'Unione Europea, tutti avrebbero riso. Ora, con la Brexit, è diventato possibile. La vittoria di Donald Trump ha mostrato che un politico, che agisce contro la migrazione ed è anti-establishment, può sconfiggere l'establishment. Questo dà ossigeno a chi vuole sbarazzarsi di tutta l'elite. Un grande successo di Geert Wilders contribuirebbe, a sua volta, alla crescita di popolarità di Marine Le Pen. Se Marine Le Pen e Geert Wilders vinceranno le elezioni, questo aumenterà il sostegno di Alternativa per la Germania, per le elezioni del Bundestag nel mese di settembre. Poi passerà in Italia, dove, a quanto pare, a fine o inizio del prossimo anno si terranno le elezioni, e darà ossigeno politico a Beppe Grillo. Se  quelli che si battono contro l'immigrazione e l'establishment hanno successo in un paese, e di questo parleranno i media, la gente sosterrà quel partito, perché amano sostenere i vincitori".

 

Correlati:

Al via in Olanda la commissione parlamentare per l'uscita dall'euro
Conferenza di Monaco, Olanda si impegnerà a ratificare l’accordo Ucraina-UE
“In Olanda entro 5 anni il referendum che darà il colpo di grazia alla UE”
Tags:
elezioni, Elezioni, Geert Wilders, Olanda
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik