22:28 13 Dicembre 2018
Mosul, Iraq. (File)

Gli abitanti di Mosul soffrono la fame e sono costretti a mangiare la spazzatura

© REUTERS / Air Jalal
Mondo
URL abbreviato
904

Gli abitanti di Mosul sui social network hanno lanciato l'hashtag "Mosul patisce la catastrofe", per attirare l'attenzione del governo e della comunità mondiale per la difficile situazione umanitaria della città.

Una lettera con un appello al premier iracheno Haider al-Abadi e a tutta la comunità internazionale è stata postata dagli attivisti sulla pagina Facebook "Occhio di Mosul" .

Sulla pagina le persone chiedono di salvare i residenti della zona ovest di Mosul, fornendo farmaci e aiuti alimentari e acqua. Viene richiesta l'adozione di misure urgenti, per liberare la città dall'ISIS, instaurare un temporaneo governo militare e riconoscere la situazione come catastrofe umanitaria.

"La situazione in città è arrivata al punto in cui le persone sono costrette a mangiare spazzatura e rifiuti, perché non c'è più cibo. Venerdì sono morte 3 donne incinte, 18 bambini sono morti per mancanza di acqua e cibo, decine di civili sono stati uccisi dai bombardamenti. Scappano fuggendo scalzi dai combattimenti, percorrono enormi distanze, cercando di trovare qualcosa da mangiare. Le persone chiedono al governo di salvarle" è scritto nella pagina dove vengono pubblicate molte immagini di vita quotidiana dei cittadini. 

 

In questa foto, per esempio, ci sono persone sotto la pioggia senza un adeguato abbigliamento e senza scarpe. Centinaia di iracheni hanno postato sulle loro pagine questa foto, esprimendo la loro solidarietà e il sostegno ai residenti di Mosul, che stanno vivendo l'assedio per la riconquista della città dai terroristi dell'ISIS.

Correlati:

Iraq, Russia: Crisi umanitaria a Mosul continua a peggiorare
Media: a Mosul scappano i capi Daesh a causa dell'offensiva dell'esercito iracheno
Iraq, alle porte di Mosul trovata fossa comune con 4mila corpi
Tags:
Guerra, Guerra, Guerra al Daesh, Esercito, ISIS, Mosul
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik