15:57 16 Dicembre 2017
Roma+ 13°C
Mosca+ 4°C
    Donald Trump

    Le dichiarazioni di Trump sulle intercettazioni prendono i servizi segreti alla sprovvista

    © REUTERS/ Kevin Lamarque
    Mondo
    URL abbreviato
    790

    Le dichiarazioni del presidente Donald Trump sull'ex presidente Barack Obama, che avrebbe ordinato di intercettare le conversazioni telefoniche del candidato durante la campagna elettorale, hanno preso i servizi segreti alla sprovvista, riferisce Fox News, citando le proprie fonti.

    Sabato Trump ha scritto nel suo microblog su Twitter che l'ex presidente Barack Obama ha ascoltato le sue conversazioni per un mese prima delle elezioni. Il repubblicano ha paragonato la sua situazione con quella del famoso "watergate", lo scandalo del 1972 che portò alle dimissioni del presidente USA Richard Nixon.

    Secondo Fox News, alti funzionari dei servizi segreti non riescono a capire a cosa si riferisce esattamente Trump parlando delle intercettazioni. Fonti del canale hanno anche riferito che il presidente non ha consultato le persone adatte prima della pubblicazione delle accuse. Il quotidiano New York Times, in precedenza ha riferito che il direttore dell'FBI, James Comey, ha chiesto al Ministero di Giustizia USA, pubblicamente, di smentire le dichiarazioni di Trump, sostenendo che le accuse sono false e devono essere spiegate.

    Le parole di Donald Trump hanno scosso anche il comitato del Senato americano sulla questione delle intercettazioni. Al Congresso hanno intenzione, nel prossimo futuro, di capire cosa c'è dietro le affermazioni del presidente.

    Correlati:

    USA, il “New Yorker” dedica la copertina a Putin e Trump
    Politico: ecco chi poteva intercettare conversazioni telefoniche di Trump
    Ex direttore intelligence USA: Trump non è stato intercettato prima delle elezioni
    Tony Blair discute alla Casa Bianca eventuale lavoro per Trump
    Tags:
    intercettazioni, intercettazione, Congesso, James Comey, Donald Trump, USA
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik