Widgets Magazine
03:20 25 Agosto 2019
Poker

L'intelligenza artificiale ha vinto per la prima volta contro i campioni di poker

© Sputnik . Sergey Pivovarov
Mondo
URL abbreviato
353

L'intelligenza artificiale DeepStack, per la prima volta nella storia dell'umanità, ha battuto 11 tra i migliori giocatori di poker al mondo online durante un torneo.

Il programma non ha bisogno di pensare alla mossa per più di cinque secondi, si legge in un articolo pubblicato sulla rivista Science. "Il poker è sempre stato un grande problema per l'intelligenza artificiale per la mancanza di informazioni, perché ogni giocatore conosce solo le sue carte e vede la situazione di gioco solo dalla sua prospettiva. In linea di principio, ci sono tutti i problemi del mondo reale, ognuno ha la sua visione di ciò che accade sulla Terra", ha detto Michael Bowling dell'università di Alberta a Edmonton, Canada.

L'anno scorso una delle principali notizie dal mondo della scienza è stata la creazione del sistema di intelligenza artificiale AlphaGo, che ha reso possibile l'impossibile. Ha battuto i campioni d'Europa e del mondo dell'antico gioco cinese Go, che prima era considerato impossibile per i computer a causa dell'elevata complessità computazionale. Nel gennaio di quest'anno gli ingegneri di Google hanno testato la nuova versione del programma sui giocatori che non sapevano di partecipare alla partita con un'intelligenza artificiale.

Bowling e il suo team, già da più di dieci anni, lavorano alla creazione di complessi sistemi di intelligenza artificiale, in grado di anticipare le azioni delle persone e gli eventi nel mondo reale, non avendo dati completi su ciò che una persona sa o non conosce, e su come si comportano gli altri soggetti.

Anche se si rimuove la componente psicologica del gioco del poker, il calcolo di tutte le possibili combinazioni e azioni, anche nella versione più semplice del gioco, come dice Bowling, è impossibile da realizzare perché il loro numero supera il numero di atomi dell'Universo e si avvicina al numero di mosse possibili al Go, da dieci a 160 varianti per il gioco di carte.

Per risolvere questo problema, Bowling e i suoi colleghi hanno sviluppato una speciale rete neurale, DeepStack, che calcola le azioni del giocatore non nel corso di tutta la partita, come di solito fanno i sistemi simili, ma solo nel momento cruciale e negli intervalli. Gli scienziati definiscono questo approccio di ricerca analogo al sentimento di intuizione del vero giocatore di poker, che "sente dentro", quando c'è bisogno di alzare il piatto o scartare carte.

In realtà, la strategia vincente per la versione DeepStack si basa sulla sostanziale assenza di una strategia complessiva di gioco. Il programma progredisce con "la situazione", in ogni situazione perde la "memoria".

Un simile metodo euristico ha permesso ai ricercatori di ridurre notevolmente il numero di varianti erronee, senza perdere la precisione di lavoro, e di insegnare al programma a scegliere la mossa migliore in soli cinque secondi, tramite un computer portatile di media potenza con la scheda grafica che supporta programmi di calcolo.

Il lavoro di questo sistema è stato valutato ad un torneo dove partecipavano 11 tra i migliori giocatori di poker, a dicembre 2016, sotto l'egida della Federazione Internazionale di poker. Ogni giocatore ha giocato 3000 partite con la macchina per circa un mese. Nessuno di loro è riuscito a conquistare la vittoria su Deepmind: dieci giocatori hanno perso, uno è quasi riuscito a ridurre la serie. In questo modo, l'intelligenza artificiale è riuscita a conquistare un'altra vittoria contro le persone, questa volta in un gioco dove l'accesso alle informazioni è per definizione incompleto.

Correlati:

Dalle armi all'industria del gioco: la metamorfosi della società russa Kalashnikov
Die Presse: "il decreto di Trump sugli immigrati fa il gioco di Putin"
Cina, le autorità vietano il gioco Pokemon Go: pericoloso per la sicurezza
Tags:
computer, scoperta, Canada
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik