05:08 17 Dicembre 2017
Roma+ 4°C
Mosca+ 8°C
    NATO

    Generale NATO: contro la guerra ibrida della Russia serve una “deterrenza ibrida”

    © AFP 2017/ Armend Nimani
    Mondo
    URL abbreviato
    18626

    In risposta ai "metodi ibridi di conduzione della guerra" da parte della Russia, la NATO deve sviluppare una "deterrenza ibrida", ha dichiarato il vice comandante delle forze congiunte della NATO in Europa, il generale britannico Adrian Bradshaw in un'intervista alla BBC. A titolo di esempio il generale ha indicato le sanzioni antirusse.

    In un'intervista alla BBC il vice comandante delle forze congiunte della NATO in Europa, il generale britannico Adrian Bradshaw, ha esortato l'alleanza ad intensificare l'opposizione contro gli attacchi informatici, la propaganda e la mobilitazione politica del Cremlino.

    L'Occidente ha bisogno di sviluppare una "grande strategia" per contrastare la minaccia russa. Dopo tutto, secondo Bradshaw, il comportamento aggressivo della Russia in campo internazionale serve al presidente Vladimir Putin "per difendere il proprio potere."

    La risposta alla cosiddetta "guerra ibrida" dovrebbe essere una "deterrenza ibrida", ritiene il generale. Come esempio cita le sanzioni economiche contro la Russia, che, a suo parere, sono stati efficaci. Il generale sostiene inoltre che alla popolazione russofona degli Stati Baltici dovrebbero essere garantite fonti di informazione alternative ai media russi.

    La probabilità di un confronto militare tra la Russia e la NATO sono basse, giudica Bradshaw.

    Allo stesso tempo, "resta una piccola probabilità di guerra, in quanto le conseguenze di uno scontro sarebbero disastrose, ma occorre affrontare i problemi", perché la Russia è pronta a sfruttare "tutte le leve" per raggiungere i suoi obiettivi.

    Correlati:

    Aviazione USA: pericolosi avvicinamenti degli aerei della NATO e della Federazione russa
    Welt: cyber soldati NATO non dormono la notte per “salvare l'alleanza da hacker russi”
    Der Freitag: lo scioglimento della NATO sarebbe un bene per la pace
    Grushko: la NATO dovrebbe ripensare la politica di deterrenza contro la Russia
    “I cittadini di 4 Paesi NATO vorrebbero essere difesi dalla Russia”
    Francia esorta NATO a “rapida reazione” se Russia viola trattato su euromissili
    Esperto: la NATO ha intenzione di stanziare le sue forze in Georgia
    NATO rinforza la sua presenza nel Mar Nero
    Tags:
    Geopolitica, Politica Internazionale, Difesa, Occidente, Sicurezza, sanzioni antirusse, cyberattacchi, BBC, Cremlino, NATO, Adrian Bradshaw, Vladimir Putin, Paesi Baltici, Europa, Russia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik