14:43 26 Settembre 2017
Roma+ 23°C
Mosca+ 12°C
    Bandiera della Germania

    Germania, tasso di povertà alle stelle. Mai così alto dalla caduta del muro di Berlino

    © AP Photo/ Gero Breloer
    Mondo
    URL abbreviato
    201769714

    Più di 12 milioni di persone in Germania vivono in condizioni di povertà. Lo riferisce il "Rapporto sulla povertà nel 2017» redatto da vari enti benefici tedeschi.

    Il rapporto dipinge un quadro molto diverso da quello presentato dalle notizie che decantano il successo dell'economia tedesca. "Lo sviluppo economico non porta alla riduzione della povertà — sottolineano gli autori — nonostante i risultati economici da record, la povertà colpisce sempre più persone". Gli autori del rapporto sostengono che la mera crescita dell'occupazione non aiuta a migliorare la situazione sociale.

    Stando ai dati, la capolista è Brema con la presenza di un povero ogni quattro abitanti. A Berlino i poveri sono il 22% della popolazione totale. Il rapporto indica come persona povera colui che possiede un reddito inferiore del 60% al reddito medio tedesco. La maggior parte dei poveri oggi ha meno di 25 anni. "La situazione di povertà non si modifica con e continua fino alla pensione", ha osservato Cordula Lasner-Tietze, presidente dell'Associazione per la tutela dei minori. Lasner-Tietze sostierne inoltre che il numero di poveri tra gli anziani è in costante aumento. Il rapporto infatti evidenzia un impennata della percentuale delle persone di età superiore ai 65 anni: dal 10,7% di dieci anni fa al 15,7% di oggi. Sulla tendenza al rialzo della percentuale dei poveri tra gli anziani sono d'accordo la maggior parte delle associazioni benefiche.

    Correlati:

    Il governo della Turchia ha invitato la Germania ad "imparare a comportarsi"
    Germania, Merkel vola in Tunisia per incontrare presidente e premier locali
    Welt: politico danese annuncia rivendicazioni territoriali verso la Germania
    Tags:
    Rapporto, ricerca, povertà, reddito, Germania
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik