20:45 17 Febbraio 2018
Roma+ 12°C
Mosca-5°C
    The BM-30 Smerch heavy multiple rocket launcher

    Russia sviluppa droni difensivi lanciati insieme ai missili dello “Smerch”

    © Sputnik. Pavel Lisitsyn
    Mondo
    URL abbreviato
    0 180

    Il consorzio scientifico industriale (NPO) “Splav” ha sviluppato un drone che può essere lanciato nelle munizioni dei sistemi lanciarazzi multipli "Smerch”, ha comunicato il costruttore generale del consorzio Nikolay Makarovez.

    "L'idea del drone incassato nella testata degli "Smerch", non è recente. Abbiamo già effettuato ricerche e test a riguardo. Speriamo che ci saranno presto dei clienti" ha detto Makarovez.

    Secondo lui i primi ordini del sistema arriveranno dall'estero, perché nelle forze armate russe sono già presenti dei droni che possono svolgere le stesse operazioni offerte dal nuovo sistema".

    "Per adesso il sistema si suddivide da quella che noi chiamiamo la testata sganciandosi dal paracadute, aprendo le ali e avviandosi direttamente in aria da dove poi invia le informazioni: siamo in grado di fargli fare tutto questo" ha aggiunto il costruttore.

    Il consorzio "Splav" è un produttore leader di lanciarazzi multipli. È qui che sono stati creati i sistemi lanciarazzi multipli BM-21 "Grad", l'RS30 "Uragan" e "Smerch".

    L'RS30 "Smerch" è progettato per distruggere bersagli di fanteria, dei veicoli, dei pezzi di artiglieria e mortai, punti di comando ed altri obiettivi. La gittata massima del sistema "Smerch" attualmente è di 120 km.

    Correlati:

    La Russia spiega perché l’Ucraina non riesce a produrre le munizioni dello “Smerch”
    La Russia testa i missili "Tochka-U" e "Smerch"
    Russia, entro 2021 sarà raddoppiato potenziale di artiglieria e forze missilistiche
    Le forze missilistiche e l'artiglieria della Russia in azione
    Tags:
    Armamenti, missile, Artiglieria pesante, armamenti, drone, corsa agli armamenti, sviluppo, Russia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik