15:11 24 Febbraio 2018
Roma+ 12°C
Mosca-10°C
    Kim Jong Nam

    Media riferiscono del ruolo russo in indagini su morte di Kim Jong-nam

    © REUTERS/ Kyodo
    Mondo
    URL abbreviato
    6102

    La Corea del Sud ha chiesto aiuto alla Russia ad arrestare i quattro sospetti per l'omicidio di Kim Jong-nam, fratello del leader Kim Jong-un. Tuttavia la richiesta è stata rifiutata, scrive la testata “Chosun Ilbo”.

    Un uomo con un passaporto nordcoreano dal nome di Kim Chul è morto il 13 febbraio all'aeroporto di Kuala Lumpur dopo essere stato attaccato da due donne. In seguito le autorità malesi hanno stabilito che l'uomo era il fratello del leader della Corea del Nord, Kim Jong-un anche se non è stata ancora effettuata una analisi del DNA.

    Sul volto di Kim Jong-nam, gli esperti hanno trovato tracce dell'agente nervino VX. In Corea del Sud sono sicuri che l'omicidio sia stato commesso per ordine di Pyongyang.

    La polizia malese ha stabilito che quattro cittadini della Corea del Nord, sospettati di aver commesso il crimine sono stati, hanno subito lasciato il paese. Secondo i dati della polizia hanno preso dviersi voli tra Jakarta, Dubai, Mosca e Vladivostok. "Per tagliare loro la strada verso Pyongyang i servizi segreti in via d'urgenza hanno chiesto alla Russia di stabilire la posizione dei sospetti" scrive il "Chosun Ilbo", citando una fonte diplomatica.

    Secondo i dati, è la prima volta che Seoul si è rivolta a Mosca con la richiesta di arresto di sospetti per verificare le loro identità.

    "Tuttavia la parte russa non ha accettato la richiesta e ha permesso ai sospetti di lasciare il paese" dice la fonte della pubblicazione.

    Al momento della richiesta non c'erano ancora abbastanza prove a carico dei sospettati, cittadini della Corea del Nord, per giustificare l'arresto di essi da parte di Mosca su richiesta della Corea del Sud" ha aggiunto la fonte.

    Le persone sospettate del coinvolgimento nella morte di Kim Jong nam, sono  Lee Ji Hyun, Lee Jae-Nam, Hong Jong Hak e Jong-Gil Chi. Questi nomi possono avere diverse grafie in trascrizione latina e cirillica. Ad esempio, il nome Lee nella versione nordcoreana si trasforma in Pu.

    Correlati:

    Diplomatico nordcoreano sospettato di essere coinvolto dell'omicidio di Kim Jong-Nam
    "Ci siamo incontrati a Mosca". Politologo sudcoreano in memoriam di Kim Jong-nam
    Chi ha ucciso Kim Jong-Nam? E perché? Varie ipotesi infittiscono ulteriormente il mistero…
    Tags:
    Relazioni Internazionali, Diplomazia Internazionale, morte, Indagine, indagine, Morte, Polizia, Kim Jong-nam, Kim Jong-un, Malesia, Corea del Sud, Corea del Nord, Russia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik