23:50 11 Dicembre 2017
Roma+ 16°C
Mosca+ 0°C
    Petro Poroshenko

    Diplomazia all’ucraina: FP racconta come Kiev cerca di approcciarsi a Trump

    © Foto: Press-service of the President of Ukraine
    Mondo
    URL abbreviato
    14112

    Sia Kiev ufficialmente, che i singoli politici ucraini cercano con tutte le loro forze di stabilire i contatti con Washington, utilizzando diversi metodi, scrive il Foreign Policy.

    Negli ultimi tempi a Washington sono apparsi sempre più ucraini. Uno dei funzionari dell'apparato del Congresso ha raccontato a Foreign Policy di vedere parlamentari ucraini a Capitol Hill letteralmente ogni giorno.

    Il motivo della loro presenza sarebbe la grande influenza che gli Stati Uniti avrebbero negli affari interni dell'Ucraina. Dopo l'arrivo delle autorità della nuova amministrazione USA, quale sarà la politica di Washington riguardo Kiev ancora non è chiaro, e molti un Ucraina sperano di trarre beneficio da questa "vuoto" e cercare di influenzarlo.

    "Adesso a Kiev regna l'incertezza per quanto riguarda la politica estera di Trump in relazione all'Ucraina e la Russia, e dunque molti politici usano l'opportunità per intervenire con proprie iniziative" ha affermato a Foreign Policy l'ospite presso il Carnegie Endowment for International Peace, Balazs Yarabik.

    Molti di loro con questo agiscono per canali non ufficiali, come ad esempio il deputato ucraino Artemenko il quale, secondo i media, ha proposto all'amministrazione del presidente USA di annullare le sanzioni contro la Russia.

    Gli autori ritengono che la volontà di stabilire contatti con Washington sia dovuto alle imminenti elezioni presidenziali del 2019 a Kiev e la lotta politica dei leader politici ucraini. Così, l'incontro di Yulia Tymoshenko con Trump e il vicepresidente Pence ai primi di febbraio ha causato, secondo il giornale Politico, l'irritazione di Poroshenko, anche se l'ambasciatore dell'Ucraina negli Stati Uniti, Valery Chaly, poi ha negato queste informazioni.

    Kiev ufficialmente, anche se condanna tali contatti informali, sta cercando in tutti i modi di trovare un modo per stabilire un rapporto con Trump, scrivono gli autori del Foreign Policy. Ad esempio, la modella ucraina ed ex partecipante di "Miss Universo", Alexandra Nikolaenko, sposata con un caro amico e sostenitore del Trump, Phil Ruffin, ha detto a Chaly che può organizzare un incontro "con chiunque" dello staff del presidente USA, scrive il Foreign Policy, con riferimento una fonte vicina all'amministrazione presidenziale Ucraina. Lo stesso Chaly in una intervista ha ammesso che si è incontrato con la Nikolaenko in un "evento informale con la partecipazione della nuova amministrazione degli Stati Uniti", ma ha negato che di aver ottenuto un qualsiasi contatto attraverso lei.

    Questi sforzi degli ucraini hanno portato frutti, tuttavia l'amministrazione Poroshenko negli ultimi tempi tende a privilegiare la diplomazia tradizionale, scrivono gli autori dell'articolo. Tuttavia, l'incertezza nei rapporti con la nuova leadership americana è già stata esacerbata dalle divisioni politiche in Ucraina, che potrebbero portare ad una nuova ondata di instabilità.

    "A Kiev, va preparandosi una tempesta politica, e presto scoppierà"  dice Balazs Yarabik.

    Correlati:

    Capo diplomazia ucraina chiede armi letali a NATO e USA: “ne abbiamo bisogno”
    Negli USA accuse contro Obama e Soros: registi del colpo di stato in Ucraina
    NI definisce situazione demografica in Ucraina una "morte lenta"
    Deputato ucraino: l'Ucraina non sarà in grado di riprendersi la Crimea con la forza
    Tags:
    Petro Poroshenko, Relazioni Internazionali, Diplomazia Internazionale, rapporti, relazioni diplomatiche, Governo Ucraina, Governo USA, Mike Pence, Donald Trump, Yulia Tymoshenko, Ucraina, USA
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik