09:09 17 Dicembre 2017
Roma+ 3°C
Mosca+ 8°C
    Richard McLaren, l'accusatore del sistema doping in Russia

    CIO rifiuta di riconoscere le accuse del rapporto McLaren

    © REUTERS/ Peter Power
    Mondo
    URL abbreviato
    8241

    Il capo della Commissione pubblica indipendente antidoping, Vitalij Smirnov, in tv sul canale russo “Pervij Canal” ha parlato delle valutazioni sulle dichiarazioni della WADA e del CIO riguardo il rapporto su Richard McLaren.

    "È un vero e proprio passo avanti, infatti il Comitato Olimpico Internazionale è consapevole del fatto che il rapporto McLaren non è univoco, e che sarebbe infondato accettare tutte le accuse enunciate nel rapporto" ha detto Smirnov.

    Ha detto che è cambiato il punto di vista dello stesso Richard McLaren.

    "Ha ritirato le accuse che fosse stata l'agenzia di doping nazionale, e ha riconosciuto da parte sua che ha avanzato accuse infondate" ha aggiunto il rappresentante del comitato antidoping.

    In precedenza il direttore generale del Comitato olimpico internazionale Christophe De Kepper ha comunicato in una lettera aperta che l'Agenzia mondiale antidoping ha riconosciuto l'insufficienza di prove nel rapporto sul doping della Russia.

    Correlati:

    Doping, CIO: per WADA insufficienti le prove di colpevolezza dei russi nel dossier McLaren
    Kolobkov: la WADA fa strane dichiarazioni
    Putin invita a riflettere sul futuro dello sport dopo le rivelazioni sulla WADA
    Tags:
    sport, Politica, accuse, doping, Caso doping, CIO, WADA, Richard McLaren, Mondo, Russia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik