11:46 20 Agosto 2017
Roma+ 25°C
Mosca+ 23°C
    Lancio del missile Trident II

    Slutsky: minacciosa politica USA e nuova possibile corsa al nucleare

    © flickr.com/ National Museum of the U.S. Navy
    Mondo
    URL abbreviato
    0 49980

    Se Washington dovesse intraprendere nuovamente una corsa agli armamenti nucleari sarà inevitabile un ritorno alla guerra fredda, ha detto il capo della commissione della Duma per gli affari internazionali Leonid Slutsky.

    In precedenza il presidente USA Donald Trump ha definito l'accordo START-3 firmato con la Russia sulla riduzione reciproca di missili vettori e testate nucleari "unilaterale", e ha promesso di espandere il potenziale nucleare degli Stati Uniti.

    "La dichiarazione di Trump relativa al carattere "unilaterale" dell'accordo START-3, il quale presumibilmente penalizza gli interessi americani, non può non allarmare… se effettivamente Washington dovesse nuovamente intraprendere la strada della corsa agli armamenti nucleari, il mondo tornerà di nuovo alla "guerra fredda". Ma in piena globalizzazione questo potrebbe trasformarsi in un disastro", ha detto Slutsky ai giornalisti.

    A suo parere, sarebbero necessarie delle rapide trattative sul destino del trattato START-3, il cui termine è previsto nel 2021 in caso di rifiuto del rinnovo del trattato.

    "È necessario mantenere i principi base di una parità nucleare. E non si può permettere il dominio di una sola potenza, perché in questo caso si deformerebbe l'intero sistema di sicurezza internazionale e tutti gli sforzi degli ultimi decenni per il disarmo andrebbero persi", ha spiegato il parlamentare.

    "Ammetto che la dichiarazione del presidente Trump è molto enfatica ed è studiata per avere un forte riscontro nei media. Ma spero che essa rimanga tale, ovvero solo a livello retorico e nei media e non imposterà le basi per la promozione effettiva di questa strategia a Washington", ha concluso.

    Il trattato START-3 è stato firmato nel 2010 da Russia e Stati Uniti ed è in vigore dal 2011. L'accordo prevede la riduzione dei missili vettori intercontinentali di entrambe le parti fino a 700 unità e fino a 1550 testate nucleari a testa. La durata del trattato è di dieci anni, fino al 2021.

    Correlati:

    Regno Unito, manifesto provocatorio contro l’aggiornamento del programma nucleare
    Il Cremlino commenta il cambiamento di dottrina nucleare degli USA
    Diplomazia russa commenta nuova versione della dottrina nucleare USA
    Tags:
    Armi nucleari, Armamenti, trattato Start, Riduzione arsenale, nucleare, Trattativa USA-Russia, Governo USA, Duma, Donald Trump, Leonid Slutsky, USA, Russia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik