19:51 20 Luglio 2018
Vladimir Putin

Putin parla dei militanti dell’ex Unione Sovietica che combattono in Siria

© Sputnik . Sergey Guneev
Mondo
URL abbreviato
5591

In Siria si è accumulata una quantità enorme di uomini armati provenienti dalla Russia e dalle ex repubbliche sovietiche, ha detto il presidente Russo Vladimir Putin in una riunione con gli ufficiali della flotta del Nord.

"Secondo i nostri dati preliminari, parliamo di diverse migliaia di persone. In particolare secondo l'intelligence dello stato Maggiore del FSB, si contano fino a quattromila guerriglieri dalla Russia e cinquemila dalle repubbliche dell'ex Unione Sovietica", ha detto il presidente.

"Tenendo conto del fatto che abbiamo un regime senza visti tra Russia e Siria, siamo consapevoli del grande pericolo per la Russia proveniente da questo focolaio di terrorismo in Siria. La campagna militare svolta lontano dai confini russi, ha direttamente contribuito a garantire la sicurezza della Russia", ha aggiunto Putin, rivolgendosi ai militari.

Egli ha sottolineato che i militari russi hanno causato danni ingenti ai terroristi in Siria, e ciò ha contribuito a risultati positivi degli sforzi di tutti i paesi che partecipano alla lotta contro il terrorismo internazionale, e di creare le condizioni per continuare i negoziati di pace tra il governo Siriano e l'opposizione armata.

Correlati:

Putin incontrerà i militari in partenza per la Siria
Sondaggio: l'opinione degli americani su Putin e la Russia è migliorata
Telefonata Trump-Putin: al centro del colloquio lotta al terrorismo ed economia
Tags:
Terrorismo, terroristi, Siria, azioni russe in Siria, Vladimir Putin, Siria, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik