09:26 22 Novembre 2019
Soldati ucraini vicino alla linea di contatto nel Donbass

Il segretario generale dell'OSCE teme la ripresa dei combattimenti in Donbass

© REUTERS / Maksim Levin
Mondo
URL abbreviato
423
Seguici su

Il segretario generale dell'OSCE Lamberto Zannier ha detto che la situazione in Donbass rimane difficile.

"Mi mancano le ultime conferme, ma la situazione non sembra troppo buona. Quello a cui assistiamo in alcune zone è il combattimento, come noi lo definiamo, di armi leggere. Tuttavia, in alcuni casi, sono stati utilizzati anche esplosivi, il che significa che le parti in conflitto usano anche mortai e altre armi pesanti, una chiara violazione del cessate il fuoco" ha spiegato il segretario in un'intervista all'agenzia Reuters, paventando la minaccia di una ripresa dei combattimenti in Donbass. 

Il segretario generale dell'OSCE ha aggiunto che il ministro degli Esteri Pavel Klimkin ha assicurato che le autorità riferiranno all'OSCE istruzioni relative al ritiro di armi pesanti. "Stiamo verificando", ha dichiarato Zannier, sottolineando che la conferma non arriverà prima di mercoledì. "Non ho prove o informazioni trasmesse dai separatisti" ha sottolineato. In precedenza, l'inviato speciale dell'OSCE del gruppo di contatto, Martin Saidik, ha detto che le parti in conflitto in Donbass avevano raggiunto un accordo sul ritiro delle armi dalla linea di contatto fino al 20 febbraio, dopo il ministro della Difesa della DNR ha dichiarato che Kiev non stava rispettando gli accordi.

La situazione in Donbass si è aggravata alla fine di gennaio. I combattenti si sono accusati a vicenda di intenso bombardamento e tentativi di assalto alla linea di contatto, nella zona di Donetsk. Le autorità ucraine hanno annunciato lo stato di emergenza nelle forze di sicurezza ad Avdiivka, periferia di Donetsk, i cui abitanti quasi una settimana sono rimasti senza luce, riscaldamento e acqua, rifornita ad intermittenza. Secondo la missione OSCE, la situazione si è aggravata anche per il controllo delle truppe a Jasinovataia. La DNR ha accusato Kiev di aver usato per quasi due anni di massiccio bombardamento i lanciarazzi multipli Grad e Uragan.

In precedenza il ministero della Difesa ucraino ha dichiarato che "metro dopo metro, passo dopo passo, avendo la possibilità, i nostri ragazzi eroicamente procedono oltre". Il portavoce del presidente russo Dmitry Peskov ha definito queste le parole la conferma de-facto che l'Esercito ucraino guida le azioni offensive, che minano gli accordi di Minsk.

 

Correlati:

Ucraina: appello di Viktor Yanukovich per indagini su fatti di Kiev
Die Welt: l’Ucraina rischia una nuova crisi bancaria
Ucraina, Poroshenko propone inasprimento sanzioni contro Mosca
Tags:
violazione, cessate il fuoco, Esercito, Donbass, Ucraina
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik