16:13 21 Settembre 2017
Roma+ 23°C
Mosca+ 15°C
    I soldi russi

    Sondaggio: quasi la metà dei russi non sente gli effetti delle sanzioni UE

    © Sputnik. Alexandr Kryazhev
    Mondo
    URL abbreviato
    1336590

    Quasi la metà dei russi (46%) non sente le conseguenze delle sanzioni UE nei confronti della Russia, mentre il 24% degli intervistati ha definito l’effetto significativo; i risultati sono stati ottenuti dal sondaggio della Fondazione "opinione Pubblica", pubblicato martedì.

    Per quanto riguarda il 25% degli intervistati che ha sentito il peso delle sanzioni, ha comunque sottolineato come questo non sia eccessivo. Per quanto riguarda l'economia della Russia, il 38% dei russi ritiene che le sanzioni contro la Russia stiano influenzando in modo significativo l'economia del paese.

    Secondo i sondaggi se i paesi occidentali annullassero le sanzioni contro la Russia, secondo la maggior parte dei russi (55%), questo porterebbe più benefici che danni all'economia russa. La maggior parte degli intervistati (60%) ritiene che i paesi Occidentali siano interessati in misura maggiore nella reciproca abolizione delle sanzioni mentre, solo il 17% dei russi ritengono che la Russia e i paesi Occidentali siano ugualmente interessati a questo.

    Secondo il sondaggio, il 42% dei russi crede che le sanzioni contro la Russia continueranno ancora per un anno o due; il 24% ritiene che saranno abolite nel 2017. Il sondaggio è stato condotto il 6 febbraio su 1.000 cittadini russi dai 18 in su, intervistati su un campione casuale di numeri di telefoni cellulari e di rete fissa. L'errore statistico non supera 3,8%.

    Le relazioni tra Russia e occidente sono peggiorate a causa della situazione in Crimea e in Ucraina. Alla fine di luglio 2014 l'UE e gli USA hanno imposto delle sanzioni nei confronti di determinati individui e contro delle imprese, passando successivamente a sanzionare interi settori dell'economia russa. In risposta, la Russia limitato le importazioni di prodotti alimentari provenienti da paesi che hanno imposto sanzioni: USA, UE, Canada, Australia e Norvegia.

    In precedenza, l'ex presidente degli Stati Uniti Barack Obama ha esteso le sanzioni per un anno, e lo stesso hanno fatto i leader dell'UE prorogando le sanzioni economiche fino a metà 2017. Mosca ha ripetutamente affermato che considera assurdo il legame delle sanzioni dell'Occidente con l'attuazione degli accordi di Minsk, dal momento che la Russia non è parte del conflitto e il soggetto degli accordi è la risoluzione della questione Ucraina

    Correlati:

    Rublo russo continua a volare: “è la prova dell'insuccesso delle sanzioni occidentali”
    Peskov: nessuna trattativa Russia-USA sulla cancellazione delle sanzioni
    Federica Mogherini parla della posizione di Bruxelles sulle sanzioni contro la Russia
    Tags:
    Sanzioni, Sanzioni, Sondaggio, sanzioni, Russia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik