09:23 22 Agosto 2017
Roma+ 23°C
Mosca+ 24°C
    Bandiera siriana a Damasco

    Dal Caucaso russo arriva in Siria un battaglione di polizia militare

    © REUTERS/ Omar Sanadiki
    Mondo
    URL abbreviato
    2857150

    Un battaglione di polizia militare del ministero della Difesa russo proveniente dall'Inguscezia è stato inviato in Siria per garantire la sicurezza del gruppo aereo russo e dei rappresentanti del centro russo di riconciliazione delle parti siriane in conflitto.

    Lo ha detto in un'intervista con RIA Novosti il governatore della regione caucasica russa Yunus-Bek Yevkurov.

    "E' partito da noi per la Siria il battaglione di polizia militare formato da uomini provenienti dalla nostra regione per lavorare in quelle città dove le parti in conflitto hanno firmato l'armistizio," — ha detto Yevkurov.

    Ha chiarito che i battaglione di polizia militare del ministero della Difesa russo dell'Inguscezia è stato inviato in Siria per una missione di pace, con lo scopo di garantire la sicurezza del gruppo aereo russo e del personale del centro per la riconciliazione delle parti siriane in conflitto.

    "Sono sicuro che i nostri uomini eseguiranno degnamente i compiti assegnati dal ministro della Difesa," — ha aggiunto Yevkurov.

    Inoltre ha riferito che l'Inguscezia invierà presto aiuti umanitari per la popolazione civile in Siria.

    Non è la prima volta che la polizia militare russa opera in Siria: ad esempio in precedenza aveva prestato servizio ad Aleppo dopo la liberazione dai terroristi del Daesh.

    Correlati:

    Siria, per Assad la riconciliazione è fondamentale
    Telefonata tra Trump ed emiro del Qatar sulla Siria dopo apertura di Assad a Washington
    L’offerta di Trump a Mosca: spartiamoci la Siria
    Esercito siriano col sostegno dei raid russi espugna roccaforte di ISIS
    Tags:
    Difesa, Tregua in Siria, crisi in Siria, ministero della Difesa della Federazione Russa, Esercito russo, Yunus-Bek Yevkurov, Caucaso, Siria, Russia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik