23:27 16 Aprile 2021
Mondo
URL abbreviato
519
Seguici su

Edward Snowden ha commentato le recenti notizie diffuse sulla stampa americana riguardo ad una sua possibile estradizione negli Stati Uniti, sostenendo come sia la "prova inconfutabile" del fatto che non lavora per i servizi segreti russi.

"Finalmente: la prova indiscutibile che non ho mai collaborato con intelligence russa," — ha twittato l'ex collaboratore della NSA.

​Secondo Snowden, "nessun Paese svende i propri 007, perché automaticamente gli altri potrebbero temere di fare la stessa fine."

Aveva paventato in precedenza la possibile estradizione di Snowden la NBC, riferendosi ad un rappresentante anonimo della Casa Bianca.

Secondo la fonte, l'intelligence americana disporrebbe di informazioni secondo cui Mosca valuterebbe la consegna alle autorità americane dell'ex 007 come "regalo" per il presidente Donald Trump.

Lo ha confermato al canale televisivo anche una seconda fonte nell'intelligence statunitense, riferendosi ai colloqui con i russi a margine dell'inseiamento di Trump. L'avvocato di Snowden Ben Wisner ha allo stesso tempo dichiarato alla NBC di non essere al corrente di questi piani.

In precedenza aveva parlato dell'estradizione di Snowden come "regalo" a Trump l'ex vice direttore della CIA Michael Morell.

Secondo lui, questa mossa sarebbe stata vantaggiosa per la Russia: avrebbe aiutato il presidente Vladimir Putin ad instaurare un contatto personale con Trump e sminuito il presidente uscente Obama, inoltre il mondo avrebbe considerato Mosca come un partner alla pari di Washington.

In una recente intervista con la BBC il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov,ha detto che la questione dell'estradizione di Snowden negli Stati Uniti era compito delle autorità migratorie russe e nel caso sarebbe personalmente intervenuto il presidente Putin.

Il primo vicepresidente della commissione Esteri del Consiglio della Federazione (camera alta del Parlamento russo, ndr) Vladimir Jabarov ritiene una bufala la notizia diffusa dai media americani sulla possibile estradizione di Edward Snowden negli Stati Uniti.

Negli Stati Uniti Snowden rischia fino a 10 anni di carcere per aver rivelato materiali segreti sui programmi di controllo dei servizi segreti americani e britannici su internet. Da giugno 2013 l'ex 007 si trova in Russia, dove ha ottenuto prima l'asilo temporaneo, a condizione di interrompere le sue azioni contro gli Stati Uniti, dopodichè ha ottenuto un permesso di soggiorno temporaneo di 3 anni.

Correlati:

Peskov: Snowden non è un giocattolo, negli USA rischia la pena di morte
Comitato ad hoc Congresso USA: Snowden è a contatto con i servizi segreti russi
Snowden parla dei risultati delle elezioni e della sua condizione
Caso Snowden, Mosca non ha il diritto di consegnarlo alla giustizia americana
Snowden esorta utenti a chiudere account su Yahoo per spionaggio servizi segreti USA
L'Economist mette in guardia Trump dalla “cattiva alleanza” con la Russia
Tags:
Casa Bianca, Dialogo, Cooperazione, Politica Internazionale, Estradizione, NBC news, CIA, Servizi segreti USA, Cremlino, NSA, Edward Snowden, Donald Trump, Vladimir Putin, Russia, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook