02:57 25 Febbraio 2018
Roma+ 7°C
Mosca-16°C
    Il Ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov

    Lavrov ha spiegato perché la Russia ha introdotto misure di ritorsione alle sanzioni UE

    © Sputnik. Grygory Sisoev
    Mondo
    URL abbreviato
    12470

    Le contromisure russe prese dopo le sanzioni europee sono di riflesso ed eque, la concorrenza sleale dei produttori europei con l'introduzione dell'embargo di Bruxelles doveva essere evitata, ha detto il ministro degli Esteri russo Sergej Lavrov.

    "Abbiamo imposto le contromisure per una cosa molto semplice. Le sanzioni europee limitano la possibilità per le nostre banche di ottenere prestiti per il finanziamento dell'agricoltura, questo significherebbe che gli agricoltori dell'Unione Europea sul mercato russo avrebbero beneficiato di condizioni di concorrenza sleale. L'abbiamo dovuto fare per equità. Questo è tutto", ha detto Lavrov in un'intervista alla rivista austriaca Profil.

    Rispondendo alla domanda su quali condizioni fossero necessarie per annullare le misure restrittive contro l'Unione Europea, il ministro ha detto che il quesito "non deve essere indirizzato a me. Non abbiamo introdotto noi le sanzioni, non tocca a noi eliminarle".

    Correlati:

    Forbes interpreta le parole del nuovo ambasciatore USA all'ONU sulle sanzioni antirusse
    A Mosca si ipotizzano le conseguenze delle nuove sanzioni USA contro l'Iran
    Bloomberg rivela piani della UE per prolungare le sanzioni contro la Russia
    Tags:
    Sanzioni, sanzioni, Sergej Lavrov, Russia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik