07:23 17 Dicembre 2017
Roma+ 4°C
Mosca+ 8°C
    Colloqui sulla Siria ad Astana

    Arabia ed Egitto potrebbero unirsi ai negoziati di Astana sulla Siria

    © AP Photo/ Sergei Grits
    Mondo
    URL abbreviato
    371

    Il 6 febbraio ad Astana, in presenza dei rappresentanti delle Nazioni Unite, si terrà un incontro durante il quale verrà discusso il meccanismo di monitoraggio per il cessate il fuoco in Siria.

    È interessante notare che l'incontro a Ginevra viene ancora rimandato. Questo testimonia l'efficacia e le prospettive del "formato Astana", ma anche l'interesse della comunità internazionale per il suo proseguimento e sviluppo. Tenendo conto delle speranze riposte su di esso, non può che essere ben accolta una sua estensione col coinvolgimento di altri attori regionali, come l'Arabia Saudita e l'Egitto, per esempio. Di questo a Sputnik ha parlato con l'ex-capo ufficio del ministro degli Esteri turco, a capo della direzione dei programmi internazionali dell'Istituto di politica estera di Ankara, l'ex ambasciatore straordinario e plenipotenziario della Turchia in Giordania, Oktay Aksoy.

    "L'adesione al "formato Astana" dà al maggior numero di paesi possibile della regione, i termini delle prospettive di risoluzione pacifica della crisi siriana e del suo sviluppo degli eventi. Allo stesso tempo, la crisi siriana è un problema che la comunità internazionale tenta di risolvere con le Nazioni Unite. Da questo punto di vista sarebbe utile partecipare all'incontro ad Astana, che si terrà il 6 febbraio, e i rappresentanti americani potrebbero apportare un contributo notevole al problema siriano. Attualmente, però l'America è alle prese con l'avvento al potere di una nuova amministrazione, totalmente immersa nei suoi problemi interni. E non è realistico aspettarsi un suo coinvolgimento in questioni di politica estera.

    Non c'è modo di interrompere il processo iniziato con successo. Questo sarebbe estremamente irragionevole. Si deve riconoscere che i negoziati di Astana sono diventati più efficaci di tutto da quando c'è la crisi siriana. Essi hanno notevolmente aumentato le probabilità di risolvere il problema siriano e hanno rafforzato la speranza di pace. Se in questa fase al "formato Astana" si uniranno i paesi della regione, come l'Arabia Saudita, l'Egitto e la Giordania, lo sarà ancora di più e porterebbe al successo della risoluzione pacifica. La Turchia è fiduciosa in questo corso degli eventi."

    Correlati:

    Siria, Consiglio sicurezza Onu attende ripresa colloqui Astana
    Il ministro degli Esteri francese commenta i negoziati di Astana sulla Siria
    Astana, primi passi verso la pace in Siria
    Tags:
    risoluzione, Risoluzione, Guerra, Iniziativa Astana, Astana, Siria
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik