09:01 17 Dicembre 2017
Roma+ 3°C
Mosca+ 8°C
    Donbass

    L'UNICEF riferisce delle gravi conseguenze del conflitto ad Avdiivka

    © Sputnik. Valeriy Melnikov
    Mondo
    URL abbreviato
    5124

    Due giorni di scontri nel quartiere di Avdiivka, nella parte orientale dell'Ucraina, hanno lasciato più di 17mila persone senza riscaldamento ed elettricità durante l'inverno. Tra loro, riferisce l'UNICEF, ci sono 2.500 bambini.

    "Più di 17mila persone, di cui 2500 bambini, rimangono al freddo senza riscaldamento, elettricità o acqua, in seguito agli intensi scontri degli ultimi due giorni ad Avdiivka, nella regione di Donetsk, nell'est dell'Ucraina", si legge in un comunicato del Fondo per l'infanzia delle Nazioni Unite. Si precisa che a causa dell'aggravamento della situazione, sei scuole e quattro asili rimangono chiusi.

    In precedenza miliziani e agenti ucraini hanno segnalato un peggioramento della situazione in Donbass. Le parti in conflitto si accusano a vicenda di aumentare l'intensità dei bombardamenti e tentativi di assalto alla linea di contatto nella zona di Donetsk. Le autorità ucraine hanno annunciato lo stato di emergenza ad Avdiivka, situata nella periferia di Donetsk, poiché gli abitanti della città sono rimasti senza acqua, riscaldamento, elettricità. Secondo l'OSCE, anche la situazione a Iasinovataia, presso Donetsk, è peggiorata.

    Il ministero della Difesa ucraina ha dichiarato che "metro per metro, passo dopo passo, avendone la possibilità, i nostri ragazzi procedono eroicamente avanti". Il portavoce del presidente russo Dmitrij Peskov ha definito questa dichiarazione una conferma de facto che l'Esercito ucraino guida le azioni offensive che minano gli accordi di Minsk.

    Correlati:

    L'Ucraina: dichiarazione al Consiglio di sicurezza ONU sulla situazione ad est del Paese
    Ucraina, Consiglio sicurezza Onu chiede ritorno al cessate il fuoco
    Ucraina, Cremlino: Azioni di Kiev fanno deragliare accordi di Minsk
    Tags:
    Guerra, Guerra, Esercito, Donbass, Ucraina
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik