18:30 28 Novembre 2020
Mondo
URL abbreviato
232
Seguici su

Il membro del Comitato Paralimpico della Russia, Lev Seleznev, ritiene che la non ammissione degli atleti russi alle qualificazioni delle olimpiadi invernali 2018 sia un “ordine politico”.

"Sono convinto che sia proprio un ordine. La politica sta interferendo nella maniera più negativa nelle vite delle persone, anche per quelle che si trovano in una situazione difficile. Non ci sono riusciti con chi è in salute, e se la stanno prendendo con i disabili. Quando Philip Craven, il capo del Comitato Paralimpico Internazionale, ha pronunciato la decisione di sospensione, ho notato, i suoi occhi sfuggenti. Era cosciente di essere nel torto, ma ha continuato a parlare del supporto governativo da parte delle autorità russe" ha detto Seleznev a RT.

Ha detto Seleznev che il supporto governativo c'è, ma non nell'ambito del controllo anti-doping.

In precedenza il Comitato Paralimpico della Russia ha dichiarato di aver ricevuto un rifiuto alla richiesta di partecipare alle gare di qualificazione delle Paralimpiadi invernali nel 2018 a Pyeongchang.

 

Correlati:

Comitato Olimpico Germania esorta alla sospensione della Russia alle prossime Olimpiadi
Sport, per la UKAD la Russia va esclusa anche dalle Olimpiadi 2018
Hackers Fancy Bears: atleti americani assumevano cocaina prima delle olimpiadi di Rio
Tags:
sport, paralimpiadi, Comitato Paralimpico Russo (RPC), Comitato Paralimpico Internazionale - CPI, Corea del Sud, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook