22:10 25 Febbraio 2020
Mondo
URL abbreviato
47032
Seguici su

Il controspionaggio norvegese valuta l'incontro tra i diplomatici russi e il nuovo presidente del Comitato norvegese per il Nobel come un tentativo dei servizi segreti russi di influenzarlo per evitare l'assegnazione del Nobel per la Pace al presidente dell'Ucraina Petr Poroshenko, segnala la compagnia radiotelevisiva locale NRK.

Il direttore della divisione di controspionaggio dei servizi segreti norvegesi Hans Kristian Herland ha riferito a NRK uno dei diplomatici russi presenti all'incontro con il Comitato per il Nobel era stato un ufficiale dell'intelligence di Mosca.

"Secondo le nostre valutazioni, era un'operazione per influenzare… Vediamo che sono state usate false notizie ed e-mail false per screditare un potenziale candidato per il Nobel per la Pace. Crediamo che in questo caso l'obiettivo era quello di evitare che il presidente ucraino Petr Poroshenko fosse tra i candidati al Nobel per la Pace," — ha detto.

Dall'Ambasciata russa in Norvegia hanno osservato che questo tipo di incontri fanno parte del lavoro diplomatico di tutti i giorni ed i tentativi di presentarli come "un'operazione dei servizi segreti russi" sono "paranoici".

Correlati:

Poroshenko avverte: l'Ucraina non rinuncerà al Donbass
Poroshenko avverte: resta alto il rischio di ripresa della guerra nel Donbass
Poroshenko: Rischio escalation nel Donbass rimane molto elevato
“Il Comitato del Nobel cerca di influenzare la politica mondiale”
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook