21:58 23 Settembre 2017
Roma+ 13°C
Mosca+ 8°C
    Bombardiere Tu-22M3 russo in Siria

    Siria, bombardieri strategici russi hanno risolto situazione difficile a Deir ez-Zor

    © flickr.com/ Dmitry Terekhov
    Mondo
    URL abbreviato
    43100420

    I massicci raid dei bombardieri strategici russi Tu-22M3 hanno permesso alle forze governative siriane di compiere progressi nella lotta contro i combattenti di ISIS nella zona di Deir ez-Zor. Si osserva l'arretramento delle forze jihadiste, afferma l'esperto militare russo e direttore della rivista "Arsenale della Patria" Viktor Murakhovski.

    Il 14 gennaio i terroristi del Daesh avevano lanciato un'offensiva a Deir Ez-Zor contro una base delle forze aeree siriane. Nel giro di pochi giorni i terroristi, dopo aver schierato i rinforzi provenienti da Raqqa, erano riusciti a conquistare diversi quartieri alla periferia della città, una caserma abbandonata dell'esercito ed avevano completamente circondato la base aerea, l'ultimo avamposto dell'esercito siriano a Deir ez-Zor.

    Dalla seconda metà di gennaio, il ministero della Difesa russo ha annunciato una serie di raid dei bombardieri russi Tu-22M3 contro obiettivi di ISIS nella provincia di Deir ez-Zor.

    "Ora dopo il rafforzamento, la guarnigione (forze governative della Siria) poco a poco comincia a scacciare i terroristi dalle zone precedentemente occupate, oggi si osserva la tendenza per cui si riuscirà ad eliminare il corridoio formato dai terroristi grazie ai raid dei bombardieri russi", — ha affermato l'esperto.

    Ha ricordato che a Deir ez-Zor sono in corso "pesanti" combattimenti con le forze del Daesh, compresi gli islamisti che "dopo essere riusciti a scappare da Mosul sono penetrati nel territorio della Siria."

    Secondo l'esperto, una settimana fa la guarnigione dell'esercito siriano rischiava di essere spazzata via dall'offensiva dei jihadisti. Tuttavia grazie ai raid dei bombardieri russi si è stabilizzata la situazione sul fronte di battaglia, dopodichè c'è stato un ribaltamento.

    "Per questo l'aviazione russa e le forze aeree siriane hanno effettuato massicci bombardamenti. 80-100 missioni di combattimento al giorno ci sono voluti per fermare l'attacco di ISIS. Ora la situazione è più o meno stabilizzata, è stato possibile dislocare rinforzi in elicottero, armi e munizioni," — ha concluso Murakhovski.

    Correlati:

    Ministero Difesa russo: Effettuata serie di raid aerei nella provincia di Deir ez-Zor
    Siria, ministero Difesa russo segnala raid contro obiettivi dell'ISIS a Deir ez-Zor
    Tags:
    Terrorismo, raid della Russia in Siria, crisi in Siria, Daesh, Deir ez-Zor, Russia, Siria
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik