22:05 23 Settembre 2017
Roma+ 13°C
Mosca+ 8°C
    Sputnik International Information Agency

    L’arma della Commissione europea contro la propaganda russa è poco efficiente

    © Sputnik. Igor Russak
    Mondo
    URL abbreviato
    826852

    L’efficienza della East StratCom Task Force della Commissione europea contro la propaganda russa è molto discutibile. Ne ha parlato a Sputnik François-Bernard Huyghe, direttore della ricerca dell’Institut de relations internationales et stratégiques di Parigi.

    Il gruppo di lavoro è stato creato dalla Commissione europea per contrastare tutte le notizie false che circolano in Rete e che sono direttamente riconducibili alla campagna di disinformazione e propagandistica della Russia.

    "Bisogna dimostrare che si tratta di una menzogna deliberata, utilizzata per scopi strategici. Non basta criticare l'allusione ideologica… bisogna dimostrare che si tratta di un inganno intenzionale, ovvero che qualcuno pubblica intenzionalmente notizie fallaci", ha detto Huyghe.

    A sostegno della sua tesi ci sarebbe anche la bassa influenza sull'opinione pubblica dell'azione della task force. Il che potrebbe dimostrare un obiettivo diverso, forse più futile, di quello ufficiale.

    "Non c'è alcun impatto di rilievo sull'opinione pubblica, ma se tutto questo è stato creato solo per dire che Sputnik è filo-russo e che ha una visione del mondo diversa rispetto a quella europea, bè, potevamo arrivarci da soli", ha aggiunto Huyghe.

     

    Correlati:

    Giornalisti di Aftonbladet si lamentatano per accuse di "propaganda russa"
    The Guardian: in Svezia monta la preoccupazione per la propaganda russa
    Gente, occhio alla propaganda russa!
    Tags:
    Informazione, Disinformazione, Media, propaganda, Commissione Europea, Unione Europea, Europa, Russia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik