17:10 19 Luglio 2018
Poverta

NYT: per l’umanità il 2017 potrebbe essere l’anno migliore di sempre

© AP Photo / Karim Kadim
Mondo
URL abbreviato
722

Per una serie di motivi il 2017 potrebbe rivelarsi l’anno migliore nella storia dell’umanità. Lo sostiene l’editorialista del New York Times Nicholas Kristof.

"È opinione fortemente diffusa che il mondo stia cadendo a pezzi, tutti i titoli [dei giornali] ci ricordano che la vita sta peggiorando. Tuttavia non è così che stanno le cose. Infatti, secondo alcuni importanti indicatori, il 2016 è stato l'anno migliore nella storia dell'umanità. E probabilmente il 2017 sarà ancora meglio", afferma Kristof.

Egli suggerisce di prestare attenzione al livello di povertà nel mondo, alla differenza di reddito tra ricchi e poveri e alla sanità. Stando ai dati della Banca Mondiale, ogni giorno il numero delle persone che vivono in estrema povertà si riduce di 250.000.

"Quando ho iniziato a scrivere sulla situazione della povertà nel mondo, nei primi anni Ottanta, oltre il 40% dell'umanità viveva in condizioni di povertà estrema. Adesso è meno del 10%. Entro il 2030, sarà solo il 3% o 4%", spiega Kristof.

Inoltre, l'umanità ha compiuto notevoli progressi per quanto riguarda la tutela dei diritti delle donne e la riduzione dell'analfabetismo. Fino al 1960 la maggior parte dell'umanità era analfabeta, oggi l'85% della popolazione adulta è istruito.

"Ricordatevi: la cosa più importante non sono i tweet di Trump. La cosa infinitamente più importante oggi è che circa 18.000 bambini che in passato sarebbero morti a causa di semplici malattie sopravviveranno, circa 300.000 persone disporranno della corrente elettrica e e ben 250.000 persone si sono affrancate dalla povertà estrema", conclude Kristof.

Correlati:

Nel 2017 all'università di Mosca aprirà la facoltà "dello Spazio"
Il 2017 sarà l’anno della Russia?
Tags:
Opinione, povertà, New York Times, Mondo
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik