15:08 18 Settembre 2018
Spettatori in un cinema

Per il Muftì dell'Arabia Saudita è “immorale” vedere i film al cinema

© Fotolia / Syda Productions
Mondo
URL abbreviato
16123

Il Gran Muftì dell'Arabia Saudita, lo sceicco Abd al-Aziz bin Abd Allah Al ash-Sheikh, ha definito "immorale" la visione dei film nei cinema e le performance dei cantanti davanti al pubblico.

Commentando il via libera alla concessione di licenze nel Paese per organizzare concerti ed il ruolo del cinema durante la trasmissione sul canale satellitare "Al-Majid", il Gran Muftì ha detto che nelle serate al cinema o nei concerti "non c'è nulla di buono, sono moralmente degradanti, colpiscono i valori e sono occasione di mescolanza di sessi".

"Sappiamo che le serate di cinema e di musica sono una corruzione morale", — ha detto il Muftì. Secondo il religioso, nei cinema mostrano "film volgari, pornografici e immorali, che vengono importati dall'estero per cambiare la nostra cultura".

Attualmente nella società saudita si osserva una frattura tra quelli che si discostano dai valori religiosi ultraconservatori che vengono osservati nel Regno, compreso il principio della separazione dei sessi, e quelli che appoggiano lo stato attuale delle cose.

Correlati:

Il Marocco vieta il burqa, ma le donne non rinunceranno al velo
Benvenuti in Arabia Saudita: mille frustate, 10 anni di prigione o decapitazione
Arabia Saudita, 10 giorni di galera e 20 frustate per una lite in Whatsapp
Accademia saudita:“La donna è un essere umano?”
Gli scienziati sauditi fanno una scoperta sensazionale: le donne sono mammiferi
Tags:
Teatro, Cinema, Islam, Religione, Musica, Società, Abd al-Aziz bin Abd Allah Al ash-Sheikh, Arabia Saudita
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik