16:25 01 Giugno 2020
Mondo
URL abbreviato
1120
Seguici su

Nei giorni successivi alla visita del presidente russo Vladimir Putin in Giappone il sake che lui stesso aveva elogiato durante la conferenza è letteralmente andato a ruba. Lo ha riferito a RIA Novosti Takafumi Sumikawa direttore dell’azienda produttrice.

"I nostri magazzini hanno esurito il sake ‘Bellezza orientale', apprezzato dal presidente Putin, in meno di una settimana. La nostra produzione annuale si aggira intorno alle 20.000 bottiglie. Non sapevamo che sarebbe stato servito al presidente russo e siamo stati spiazzati dalla reazione degli acquirenti… In questo momento non ci è rimasta neppure una bottiglia e non se ne vedrà nessuna per i prossimi due, tre mesi", ha detto Sumikawa.

A margine della conferenza stampa dello scorso 16 dicembre in Giappone il presidente Putin, rispondendo ad una domanda di un giornalista, ha elogiato il sake "Bellezza orientale" dichiarando di averlo apprezzato moltissimo. Il liquore giapponese di questo marchio non è attualmente esportato in Russia e il produttore ha ammesso che per il momento non sarà possibile farlo a causa della massiccia domanda in patria.

Correlati:

Nikkei: Putin ha messo tra USA e Giappone la mina delle Curili
Putin dice basta al “ping-pong” tra Russia e Giappone sulle Isole Curili
Giappone, Putin: per la Russia non ci sono problemi territoriali
Tags:
vendite, commercio, Vladimir Putin, Giappone
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook