23:53 25 Febbraio 2017
    Ashton Carter

    Pentagono, marcia indietro di Carter: Russia e USA potrebbero collaborare come in anni '90

    © AFP 2016/ SAUL LOEB
    Mondo
    URL abbreviato
    5799114

    Il segretario della Difesa uscente Ashton Carter non ha escluso la ripresa della cooperazione militare con la Russia con lo stesso spirito degli anni '90.

    "E' importante lasciare la porta aperta, collaborando con la Russia dove i nostri interessi coincidono, o quando possono essere fatti coincidere. Come ho già detto, c'è stato un momento dopo la guerra fredda, quando la Russia cooperava con gli Stati Uniti e gli altri Paesi, contribuendo a salvaguardare i principi dell'ordine internazionale, senza metterlo a rischio… Forse un giorno rivivrà questo spirito,"

    — ha detto Carter, parlando presso il Centro di studi strategici e internazionali di Washington.

    Come esempi di collaborazione di successo l'attuale numero uno del Pentagono in particolare ha ricordato il programma di riduzione cooperativa per le armi di distruzione di massa (il cosiddetto programma Nunn-Lugar), secondo cui gli Stati Uniti avrebbero in parte finanziato la riduzione dell'arsenale nucleare russo. I critici del programma hanno notato che gran parte del denaro è andata a consulenti e società americane, mentre i militari statunitensi nel corso delle ispezioni potevano ottenere l'accesso ad informazioni sensibili.

    Carter insieme agli altri membri dell'amministrazione del presidente uscente Barack Obama lascerà l'incarico il 20 gennaio, quando si insedierà Donald Trump.

    Il segretario uscente è noto per il suo duplice approccio verso la Russia, espresso dalla formulazione "forte ed equilibrato": da un lato Carter ha sostenuto il contenimento politico o militare della Russia, dall'altro la cooperazione con Mosca nei settori in cui è vantaggioso per gli Stati Uniti.

    Correlati:

    “Contributo della Russia nullo in lotta contro ISIS”, la Duma risponde al Pentagono
    Il Pentagono prepara le mosse per contenere la minaccia russa in Europa
    Il Capo del Pentagono, lasciando l'incarico, si lamenta di Putin
    NYT: A differenza di Trump, il futuro capo del Pentagono non si fida di Putin
    Tags:
    Politica Internazionale, Cooperazione, Difesa, Sicurezza, Geopolitica, Pentagono, Ashton Carter, Russia, USA
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik

    Tutti i commenti

    • giovanni
      Attenzione che se salteranno i dictat e i paletti d· imposizione ideologica e politica fatti dal regime anglosionista alla nuova amministrazione nordamericana ,si fionderanno come bestie infernali ad ordire un complotto anti Presidente Putin all· interno della Russia , attraverso uomini infiltrati che in questo momento sono in fase latente , ma quando riceveranno gli ordini dalla Cupola entreranno in azione .Si tratta semplicemente di agire al momento opportuno quando si incroceranno gli attacchi combinati da piu· parti ,per poi dargli il colpo di grazia al governo Putin in Russia. Ma perche · il piano si possa realizzare hanno bisogno di una previa preparazione di un terreno fertile ,una trappola ordita ad hoc senza dare sospetto alcuno , anzi promuoveranno dialogo ,collaborazione politica e partenariato commerciale da encomio.....ma dietro si celera· la sorpresa che tireranno fuori al momento opportuno dal cilindro magico .....come ad esempio la questione della Crimea ,delle popolazione del Dombass, la Siria , gli accordi di pace in medio oriente ,la stessa Turchia e il partenariato commerciale e politico con la Russia , i confini russi sotto la pressione dell· esercito privato del regime, la Nato, e le popolazione Baltiche impaurite e allarmate da una falsa aggressione russa propagandata a proposito .Ogni pretesto e· buono,quindi occhio alle SURPRISES !
    • A.Martino
      Cooperare come? Saturando i confini della Russia di truppe corazzate?
    Mostra nuovi commenti (0)