20:41 15 Maggio 2021
Mondo
URL abbreviato
2170
Seguici su

Secondo i piani, entro il 2021 verranno raddoppiate le capacità di combattimento delle truppe missilistiche e dell'artiglieria delle forze terrestri dell'esercito russo, ha detto ai giornalisti il comandante delle forze missilistiche e dell'artiglieria delle forze armate russe, il generale Mikhail Matveevsky.

Secondo il generale, con l'obiettivo di allargare il contingente delle forze missilistiche e dell'artiglieria entro il 2021 verranno inoltre create nuove divisioni.

"Le truppe missilistiche e l'artiglieria dell'esercito avranno 3 gruppi dotati di armi moderne e avanzate e una brigata speciale di mezzi: uno missilistico, uno d'artiglieria reattiva e uno di artiglieria; le capacità di combattimento saranno 1,5-2 volte superiori a quelle attuali," — ha detto Matveevsky.

Ha osservato che attualmente vengono implementate misure per migliorare qualitativamente le strutture, la composizione ed il potenziale di combattimento delle truppe missilistiche e dell'artiglieria.

"Nel 2016 abbiamo completato la creazione dei sistemi lanciarazzi multipli di nuova generazione "Tornado-S" aumentando la gittata di tiro, la precisione e la potenza dei missili. Le truppe continueranno a ricevere i "Tornado-G", con missili teleguidati. Le unità anti-carro sono equipaggiate con il nuovo complesso anti-missile "Hrizantema-S", unico armamento in grado di penetrare le corazze dei carri armati moderni di notte e in condizioni climatiche avverse," — ha evidenziato il generale.

Ha aggiunto che il riarmo delle unità con le postazioni missilistiche mobili strategiche "Iskander-M" procede come previsto, e le sue forniture sono perfettamente sincronizzate con la costruzione delle infrastrutture idonee.

Correlati:

Esercito russo riceve nuovo lotto di lanciarazzi a reazione “Tornado-S”
Russia, parte il processo di ammodernamento degli Iskander-M
Tags:
Difesa, Sicurezza, Esercito russo, Mikhail Matveevsky, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook