19:53 18 Settembre 2018
Hacker

Media: USA: possibili prove coinvolgimento russo in attacchi informatici?

© flickr.com / hackNY.org
Mondo
URL abbreviato
16120

L’agenzia di intelligence USA ha comunicato di aver trovato “prove inconfutabili” del presunto coinvolgimento della Russia nella pubblicazione di materiali ottenuti con un attacco hacker attraverso terzi sul sito Wikileaks, comunica l’agenzia Reuters citando fonti dell’agenzia di intelligence.

Nel mese ottobre i funzionari dell'intelligence USA hanno annunciato che dietro i cyberattacchi al sistema elettorale del Paese ci fossero degli hacker russi. Successivamente la CIA ha accusato la Russia attraverso i media di aver violato i server del Partito Democratico con l'obiettivo di aiutare Donald Trump, il quale ha vinto alle elezioni l'8 novembre. Le prove del coinvolgimento russo di attacchi hacker con il fine di influenzare il risultato delle elezioni USA nono sono state mai dimostrate dalla autorità statunitensi. Il governo russo nega qualsiasi coinvolgimento.

Come comunica l'agenzia, il documento con le prove sarebbe dovuto essere sottoposto a Barack Obama questo martedì, tuttavia in questo momento il rapporto deve ancora essere terminato.

Il presidente russo Vladimir Putin, parlando delle accuse, ha dichiarato che i dati pubblicati non rappresentano nessun interesse per la Russia, e che l'isteria che viene provocata a riguardo serve solo a distogliere l'attenzione dal loro contenuto. L'addetto stampa del presidente Dmitry Peskov ha definito le accuse contro Mosca "assolutamente infondate" e senza una base.

Correlati:

Peskov ha risposto alle accuse di Obama contro la Russia
Usa, Russia: accuse contro di noi ridicole, frutto di paranoia
Obama “risponde” ad Assange: attacchi hacker orchestrati dal Cremlino
Hacker russi, Forbes smaschera fake diffuso dal governo tramite stampa americana
Tags:
hacker, Media, Attacchi informatici, hacker, Hackeraggio, Attacchi hacker, cyberattacchi, CIA, Vladimir Putin, Dmitry Peskov, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik