14:58 23 Settembre 2017
Roma+ 23°C
Mosca+ 13°C
    La tundra siberiana lungo il corso del fiume Enisey.

    A Primorye un leopardo che gli esperti pensavano morto, viene avvistato con due cuccioli

    © Sputnik.
    Mondo
    URL abbreviato
    11146370

    Gli esperti di "Terra di leopardo" durante il controllo video hanno avvisato un leopardo dell'Estremo Oriente, una Leo 27F di nome Alex, insieme a due cuccioli. Si pensava che il raro animale fosse morto per mano dei bracconieri cinesi, ha detto a Ria Novosti lo specialista del Parco nazionale "Terra di leopardo", Ivan Rakov.

    Gli esperti di "Terra di leopardo", finito il ciclo di controlli, hanno analizzato i dati ottenuti nell'ultimo anno. "Uno dei principali eventi per il personale scientifico del dipartimento del Parco Nazionale è stata la scoperta del leopardo dell'estremo oriente, una Leo 27F, di nome Alex, una femmina, che in precedenza era stato registrata dalla foto trappola con una ferita apparentemente fatale. La ferita sul suo corpo nel 2014, per una trappola dei bracconieri, la curiosa Alex se l'è procurata perché per un paio di settimane ha lasciato la tana ed è andata oltre la frontiera. In seguito le telecamere della fototrappola l'hanno registrata incredibilmente felice con due cuccioli sani" ha detto l'esperto.

    Secondo Rakov, in Cina Alex nella foresta si è incastrato nel recinto di metallo "mortale, che si usa per catturare le prede e il filo la stava lentamente dissanguando".

    "Dopo averla visto in foto, con quella ferita aperta, gli esperti erano sicuri che fosse morta e che non ci fossero speranze. In questi casi, fornire assistenza ad un animale in quelle condizioni è impossibile, anche perché tra il momento della registrazione e la verifica dei video può passare molto tempo. In precedenza, in una simile trappola, è caduto il cucciolo Leo 80M, che in seguito è stato chiamato Nicholas. Questo leopardo fortunato, trovato nell'estate 2015, è stato poi ferito.

    Analizzando i dati ottenuti dalla fototrappola, gli scienziati, tra le migliaia di immagini, hanno notato un paio di fotogrammi con il leopardo, il cui aspetto è stato, secondo gli esperti,  praticamente impossibile da riconoscere.

    "Ecco il punto: una sana andatura, la coda a pistola… E la cicatrice. Per credere a ciò che hanno visto, i professionisti hanno dovuto più di una volta confrontare la "ferita" sul suo corpo come un  "passaporto" dei predatori di "Terra di leopardo". Tuttavia, il fatto è innegabile, Alex è viva. E si trova in ottima forma. Non si è capito come un Leo 27F sia riuscito a salvarsi, ma, con la forza di volontà, dopo un dolore insopportabile, Alex è sopravvissuta. Questa femmina, non solo è sopravvissuta ad una terribile ferita, ma ha dato alla luce due cuccioli. Ora trova per loro cibo e li difende dai nemici nella foresta, è uno dei più brillanti esempi di sopravvivenza di leopardi dell'estremo oriente" ha detto l'esperto.

    In precedenza è stato riferito, che il governo cinese ha stanziato 1,5 milioni di ettari di territorio per la creazione di un parco nazionale per tigri e leopardi, che in oriente confinerà con quello russo "Terra di leopardo". Si prevede che nel 2017 gli scienziati della Russia e della Cina aggiorneranno i dati delle foto trappole congiuntamente. Secondo gli ultimi dati, nel mondo ci sono circa 80 leopardi dell'Estremo Oriente e 540 tigri siberiane, la maggior parte di questi predatori si concentra in Russia.

    Correlati:

    Anche gli animali vogliono votare alle elezioni
    Gli animali che potremmo perdere
    Tags:
    Animali, animali, Estremo Oriente, Russia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik