10:57 26 Maggio 2019
Doping

Doping, ministro russo: non esiste alcun programma statale che favorisca il fenomeno

© Sputnik . Valeriy Melnikov
Mondo
URL abbreviato
3130

“Nostra legislazione all’avanguardia: incessanti sforzi contro questa pratica".

Non c'è nessun programma statale che sostenga il doping nello sport. Lo ha ribadito il ministro dello sport russo, Pavel Kolobkov sottolineando come la legislazione nazionale sia all'avanguardia e gli sforzi contro questa pratica incessanti.

"Insistiamo sulla nostra posizione: non c'è alcun sostegno statale al doping in Russia. Che invece ha fatto e sta facendo ogni sforzo per combattere il fenomeno",

ha detto Kolobkov a R-Sport commentando un'inchiesta del New York Times che ha citato una serie di fonti che hanno ammesso l'esistenza di una vasta operazione di doping che ha coinvolto decine di atleti russi. E che negando però che lo Stato abbia avuto colpe. Il quotidiano cita, in particolare, le dichiarazioni di Anna Antseliovich, direttore dell'agenzia antidoping Rusada. "Le sue parole sono state decontestualizzate" ha detto il ministro dello sport a proposito delle dichiarazioni di Antseliovich.

"Ho letto attentamente l'articolo e non capisco la connessione tra il titolo dell'articolo e il relativo contenuto. Il titolo non è pienamente coerente con il suo contenuto".    

Correlati:

Doping, Infantino: boicottare Russia e Qatar non risolve problemi
Caso doping, Bjørndalen in difesa degli atleti russi
Doping, presidenza Wada: Non ci sono piani per chiudere agenzia o crearne un’altra
Doping, Bloomberg: informazioni hackerate mettono in dubbio onestà della WADA
Tags:
doping, Pavel Kolobkov, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik