13:51 12 Aprile 2021
Mondo
URL abbreviato
2191
Seguici su

Nel sud-ovest dell'Iran per tre giorni si sono tenute delle esercitazioni militari su larga scala di difesa aerea con la partecipazione dei reparti regolari dell'esercito e del Corpo d'elite dei guardiani della Rivoluzione Islamica (Pasdaran).

Il generale Farzad Esmaili ha comunicato dal centro di comando di difesa aerea di Khatam al Anbiya che ci sarebbero state tre giorni di esercitazioni militari con il nome in condice "Modafe' in-e Asman 7" alle quali hanno partecipato più di 17000 uomini su un territorio di 496mila chilometri quadrati lungo le coste del golfo Persico e dell'Oman.

Secondo il generale Esmaili, durante le esercitazioni è stato testato l'S-300 di fabbricazione russa al fine di migliorare la resistenza di tattica militare.

"L'utilizzo dei sistemi SAM russi da parte delle forze di difesa aerea dell'Iran va secondo i piani, e il test degli S-300 in corso è necessario per padroneggiare la principale funzione dei sistemi: fornire capacità di difesa aerea e di rafforzare la sicurezza del paese" ha detto in un'intervista a Sputnik Abouzar Bagheri, esperto in materia di sicurezza e analista dall'agenzia di stampa ufficiale dell'organizzazione Basij, subordinato alle Guardie Rivoluzionarie:

"Il contratto per la fornitura degli S-300 dalla Russia all'Iran è stato concluso molti anni fa e nonostante tutte le difficoltà finalmente l'accordo è stato concluso con successo. L'uso e l'applicazione di questi sistemi per l'Iran è di natura difensiva. A tal fine, con la Russia è stato firmato un contratto per la fornitura di S-300. Questi sistemi difensivi riempiranno il vuoto che si è formato nella difesa aerea e nel controllo da parte dell'Iran delle proprie frontiere aeree.

Negli ultimi anni, alla luce degli eventi tumultuosi in Medio Oriente, l'Iran ha ripetutamente sostenuto di non perseguire una politica di aggressione, di espansione e di attacchi militari. Gli armamenti della Repubblica Islamica sono necessari solo per la difesa e la protezione delle sue frontiere, e non per attacchi o per incursioni nei paesi limitrofi. Pertanto, gli S-300 all'Iran servono esclusivamente per fornire capacità di difesa e di rafforzare la sicurezza di difesa aerea del Paese".

"Gli S-300, sono entrati in servizio nelle forze di difesa aerea iraniane verranno presto utilizzati in altre esercitazioni militari in corso e nelle parate militari. E questo sarà fatto regolarmente. Ora gli S-300 sono una parte importante del complesso difesa militare delle forze armate dell'Iran. E come ha osservato il generale Farzad Esmaeili, nelle esercitazioni militari in corso verranno fatti solo i primi test di questi sistemi, e nel corso di ulteriori esercitazioni verranno testate tutte le potenzialità dei sistemi di difesa, tenendo conto delle condizioni geografiche e climatiche del nostro paese".

Ricordiamo che a metà dicembre 2016, l'ambasciatore iraniano presso la Federazione Russa Mehdi Sanai ha detto che la Russia ha completato la consegna dei sistemi missilistici contraerei S-300 all'Iran, e che sono stati trasferiti alla base di difesa aerea "Khatam al-Anbiya".

Correlati:

Russia, nella regione di Voronezh in stato di allerta i lanciamissili S-300
I segreti dei missili S-300
Pentagono risponderà ai lanciamissili russi S-300 schierati in Siria
Tags:
Esercitazioni, S-300, Esercitazioni militari, Esercito, Farzad Esmaili, Iran
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook