Widgets Magazine
09:15 19 Ottobre 2019
OSCE

L’Austria come presidente OSCE ricostruisce il ponte tra Occidente e Russia

© Foto : OSCE/Curtis Budden
Mondo
URL abbreviato
1100
Seguici su

L’intervista col professor Gärtner (International Institute for Peace, Wien) sul trasferimento della presidenza OSCE dalla Germania all’Austria e gli sforzi per porre fine alla disputa per l’Ucraina e ristabilire il dialogo con la Russia.

Il compito dell'Austria durante la sua presidenza all'OSCE, secondo Gaertner, sarà quello di combattere la radicalizzazione della società e la soluzione dei conflitti protratti, soprattutto in Ucraina.

"Grande attenzione sarà posta nel miglioramento delle relazioni tra la Russia e l'occidente. L'OSCE è una organizzazione nella quale sono presenti tutti i paesi europei, gli USA, il Canada e ha la funzione di base per le trattative.  La Russia e l'Occidente condividono sfide globali comuni: la lotta al terrorismo, il traffico di armi, la sicurezza informatica e, naturalmente, il controllo degli armamenti. Argomenti avanzati come l'Ucraina, richiedono uno studio a lungo termine il che non esclude i progressi nell'attuazione degli accordi di Minsk, prima di tutto, un cessate il fuoco".

Rispondendo alla domanda riguardo la lentezza del processo di risoluzione del conflitto in Ucraina l'esperto ha detto:

"Attualmente l'OSCE non può che rafforzare la missione dell'OSCE in Ucraina. E' l'obiettivo principale dell'organizzazione, infatti il 70% del budget dell'OSCE viene speso per questo. E' necessario nominare un gruppo di esperti, che svilupperà una proposta, tenendo conto degli interessi della Russia, l'Occidente e i paesi terzi. Una delle possibilità è istituire la neutralità Ucraina su modello austriaco, cioè una neutralità giuridica internazionale e il non allineamento con la NATO. Questo potrebbe diventare un punto di riferimento per il futuro".

L'OSCE non è direttamente coinvolto nel conflitto in Siria, che è anche una fonte di tensione nelle relazioni tra la Russia e l'Occidente, la Russia e gli Stati Uniti. Tuttavia, pronto per la mediazione.

"Ci auguriamo che la situazione in Siria si stabilizzi e che l'OSCE possa assumere un ruolo di mediazione nel miglioramento di queste relazioni. L'elezione del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, potrà svolgere un ruolo positivo in questo. Se le relazioni USA-Russia miglioreranno, questo avrà un impatto sul clima generale dell'OSCE".

L'OSCE può contribuire alla costruzione dell'architettura europea e anche alla sicurezza eurasiatica. "Questo è sempre stato l'obiettivo principale dell'organizzazione, ed è per questo OSCE dovrebbe intensificare i suoi sforzi. Senza i principi fondamentali della sicurezza internazionale l'OSCE perderebbe il suo valore" ha sottolineato il politologo austriaco.

Correlati:

Censura media russi, l’OSCE risponde a Sputnik
Russia, Osce: crescita economica in due anni
Austria, vice cancelliere vuole cancellare le sanzioni UE contro la Russia
Tags:
Relazioni Internazionali, Diplomazia Internazionale, Presidenza, Presidenza dell'OSCE, OSCE, NATO, Austria, Europa
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik