07:10 12 Dicembre 2019
Bandiere di USA e Cina

La Cina contro il rafforzamento della cooperazione militare tra USA e Taiwan

© AP Photo / Andy Wong
Mondo
URL abbreviato
1151
Seguici su

La Cina si oppone alla cooperazione militare tra Stati Uniti e Taiwan. A questo tema era dedicato il commento della portavoce del ministero degli Esteri cinese Hua Chunying, pubblicato lunedì scorso.

In precedenza Obama aveva firmato la legge sul bilancio della difesa per il 2017, in cui ci sono articoli che riguardano lo sviluppo della cooperazione militare tra Washington e Taipei.

Sebbene Obama presto lascerà la Casa Bianca, molto difficilmente il programma di cooperazione militare con Taiwan verrà abbandonato. Come rilevano gli osservatori, la decisione sulle nuove misure per lo sviluppo delle relazioni con Taipei nel settore della difesa potrebbe portare gravi complicazioni nelle relazioni sino-americane, soprattutto in considerazione delle dichiarazioni contraddittorie del futuro presidente Donald Trump sulla questione di Taiwan. Questo spiega la dura retorica usata a Pechino dopo la firma della legge sul budget militare degli Stati Uniti per il 2017.

Come affermato dalla portavoce del dicastero della diplomazia di Pechino Hua Chunying, la Cina è molto contrariata dalle corrispondenti disposizioni del budget militare degli Stati Uniti ed ha già fatto pervenire a Washington le sue proteste.

Hua Chunying ha ribadito che la questione di Taiwan riguarda la sovranità e l'integrità territoriale della Cina, pertanto è un affare interno cinese.

Tuttavia questo messaggio non era indirizzato all'amministrazione uscente, ma piuttosto a quella nuova. Il rispetto degli accordi su Taiwan sono una parte importante su cui è possibile sviluppare le relazioni sino-americane.

In una recente intervista al "Quotidiano del Popolo" ha rilevato l'importanza di questa tesi il ministro degli Esteri cinese Wang Yi. Il capo della diplomazia di Pechino non ha escluso che in futuro possano sorgere incomprensioni e difficoltà nelle relazioni tra Cina e Stati Uniti.

Secondo il ministro degli Esteri cinese, solo col reciproco rispetto e l'attenzione ai rispettivi interessi nazionali sono possibili una cooperazione di lungo periodo e l'implementazione di meccanismi reciprocamente vantaggiosi.

Commentando la firma sulla legge sul bilancio militare degli Stati Uniti per il 2017, Hua Chunying ha sottolineato che la Cina chiede agli Stati Uniti di rispettare gli impegni presi sulla questione di Taiwan, sospendere i contatti militari e la vendita di armi all'isola "ribelle" per evitare di compromettere i legami sino-americani e la pace e la stabilità nello stretto di Taiwan.

Naturalmente di per sé l'inserimento di una voce dedicata a Taiwan nel bilancio militare è un altro passo simbolico, che vuole sottolineare la fedeltà degli Stati Uniti a uno dei suoi partner regionali. Ancora più importanti saranno i passi concreti di Trump dopo l'insediamento e se la politica degli Stati Uniti sul rispetto del principio di "una sola Cina" verrà rivista, come paventa ora il futuro inquilino della Casa Bianca.

Correlati:

Cina preoccupata da parole di Trump su Taiwan: che prospettive tra Washington e Pechino?
Capo corporazione cinese spiega la minaccia del dialogo USA con Taiwan
Trump telefona al presidente di Taiwan: la rabbia di Pechino
Ex generale cinese parla di soluzione militare alla questione di Taiwan
Tags:
Casa Bianca, Cooperazione militare, Geopolitica, Politica Internazionale, Difesa, Sicurezza, Hua Chunying, Donald Trump, Wang Yi, Barack Obama, Taiwan, USA, Cina
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik