17:26 23 Agosto 2017
Roma+ 27°C
Mosca+ 24°C
    Militare siriano in un distretto liberato di Aleppo est

    Militari russi trovano ad Aleppo munizioni prodotte in Germania, USA e Bulgaria

    © Sputnik. Mikhail Alaeddin
    Mondo
    URL abbreviato
    154546531

    Gli artificieri russi durante le operazioni per lo sminamento di Aleppo hanno trovato munizioni prodotte negli Stati Uniti, Germania e Bulgaria. Lo ha dichiarato in onda sul canale Rossiya 24 il comandante dell'unità di sminatori del Centro russo per la riconciliazione delle parti siriane in conflitto Ivan Gromov.

    "Ci sono granate e munizioni per armi da fuoco, anche razzi per i lanciamissili a reazione Grad. Le munizioni sono di fabbricazione americana, bulgara e tedesca", — le agenzie di stampa russe riportano le parole di Gromov.

    Secondo l'esperto militare russo, in uno degli edifici usati dai terroristi come centro di comando gli sminatori russi hanno trovato granate per mortaio di calibro 122 millimetri, razzi per lanciamissili a reazione, bombe a mano, lanciagranate e munizioni per obici.

    A partire dal 5 dicembre i soldati russi hanno bonificato una superficie di 966 ettari nella parte orientale di Aleppo.

    In precedenza la portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova aveva evidenziato la notizia diffusa dai media bulgari sulla scoperta in un deposito d'armi degli islamisti in una delle zone liberate di Aleppo di munizioni prodotte in Bulgaria.

    Correlati:

    Un comandante di Al-Nusra shock: “armi direttamente dagli USA, sono con noi”
    Siria, Peskov: i ribelli ad Aleppo si sono alleati con al-Nusra. Sono tutti terroristi
    “Sostegno all'ISIS”, Dipartimento di Stato USA risponde alle accuse di Erdogan
    Assad attacca l'Occidente: “isteria su Aleppo per le sconfitte dei terroristi”
    "Occidente ha chiuso occhi su terrorismo per rovesciare Assad"
    Tags:
    Terrorismo, Armi, Difesa, Sicurezza, Opposizione siriana, crisi in Siria, Al-Nusra, Aleppo, Occidente, Germania, Siria, USA, Russia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik