10:30 18 Gennaio 2018
Roma+ 2°C
Mosca-9°C
    Bombardiere strategico americano B-52

    Times: Ankara critica coalizione USA per mancato supporto nella lotta contro Daesh

    © Foto: Public domain
    Mondo
    URL abbreviato
    4120

    Dopo il fallimento dell'offensiva nel nord della Siria, la Turchia ha accusato la coalizione americana di non aver fornito abbastanza supporto aereo, scrive il Times.

    Come osserva la testata, gli USA supportano malvolentieri Ankara per la presenza nella regione di fazioni curde, che il Pentagono ritiene i suoi principali alleati, complici dei terroristi secondo le autorità turche.

    Dopo aver incontrato una strenua resistenza da parte dello "Stato Islamico" nel nord della Siria, la Turchia ha frettolosamente inviato carri armati e armi pesanti al suo confine meridionale e ha accusato la coalizione americana di non aver fornito un adeguato supporto aereo, scrive il Times.

    Sono state inviate truppe supplementari, veicoli blindati e obici nella zona Karkamış dove l'esercito turco e le fazioni ribelli sotto il suo controllo hanno lanciato una offensiva in Siria. Al momento sono coinvolti in aspre battaglie per conquistare la roccaforte jihadista, l'insediamento di al-Bab.

    L'operazione va avanti già da un mese ed è giunta ad un punto morto. Lo "Stato Islamico" ha utilizzato attentatori suicidi per scoraggiare l'avanzamento delle forze turche ad al-Bab, città che Ankara spera di ottenere secondo i termini dell'accordo concluso con Mosca.

    Lo scorso giovedì l'esercito turco ha perso 14 soldati. Dopo, i militanti hanno bruciato a morte due prigionieri di guerra. In un video pubblicato gli estremisti hanno detto di essere riusciti a uccidere 70 forze speciali turche e a catturare 2 carri armati di produzione tedesca "Leopard".

    Inoltre Daesh complica ulteriormente l'offensiva utilizzando la popolazione di al-Bab come scudo umano. Secondo il comando turco, i jihadisti hanno ucciso 30 civili che cercavano di fuggire dalla città, dove fino al 2013 vivevano 50 mila persone.

    Il portavoce del presidente turco, Ibrahim Kalyn, ha criticato gli alleati per non aver fornito abbastanza aiuti militari ad Ankara. "La coalizione internazionale dovrebbe adempiere ai propri obblighi di fornire supporto aereo nella battaglia, che stiamo conducendo per al-Bab", ha sottolineato.

    La coalizione conduce attacchi aerei su larga scala giornalmente, ma evita in genere di fornire supporto all'attacco su al-Bab, fa notare il giornale. Gli Stati Uniti non vogliono aiutare le autorità turche nella loro "avventura siriana" a causa della presenza nella regione di un raggruppamento dell'opposizione armata delle "Forze Democratiche della Siria", protette dal Pentagono.

    Ankara crede le "Forze Democratiche della Siria" siano gruppo terrorista associato ai separatisti curdi, i quali hanno scatenato "una sanguinosa guerriglia" sul territorio della Turchia. Il presidente Recep Tayyip Erdogan ha lasciato intendere che egli cercherà di fare pressione su Donald Trump e sugli Stati Uniti per spingerli ad abbandonare il sostegno diretto dei curdi.

    La frattura tra Turchia e Stati Uniti minacciano l'attacco a Raqqa, che dovrebbe iniziare nelle prossime settimane. Washington vuole che le forze curde partecipino alla campagna contro la "capitale" degli islamisti. Mentre Ankara insiste sul fatto che l'operazione dovrebbe essere condotta dai gruppi ribelli locali, che si oppongono fortemente alla partecipazione dei curdi.

    Il Ministro degli esteri turco ha telefonato il suo omologo russo per discutere sull'estensione della tregua ad Aleppo e in altre parti della Siria. Mevlut Cavusoglu ha espresso le condoglianze a Sergey Lavrov per quanto riguarda l'incidente aereo nel Mar Nero. A quanto pare, conclude il Times, la chiamata dovrebbe rafforzare le relazioni con la Russia dopo il recente assassinio dell'ambasciatore russo nella capitale turca.

    Correlati:

    Turchia: arrestato vicepresidente pro-curdo del parlamento
    Cavusoglu: la Russia e la Turchia hanno adempiuto agli obblighi per la pace in Siria
    Erdogan vuole discutere con Trump zona di sicurezza nel nord della Siria
    Telefonata tra Putin e Erdogan sul completamento positivo dell'operazione di Aleppo
    Tags:
    conflitto, Guerra, aerei da guerra, Supporto, Bombardamento, Guerra in Siria, attacco aereo, Coalizione anti-Daesh, Aeronautica USA, Siria
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik