15:52 23 Settembre 2018
Bandiere degli USA e della Russia

Giornalista NI: “basta provocare l’orso russo”

© Fotolia / KLimAx Foto
Mondo
URL abbreviato
8330

L’Occidente deve smetterla di “provocare l’orso russo” e deve puntare sulla diplomazia, scrive l'editorialista di The National Interest ed esperto di politica estera Robert Merry.

Secondo lui, "il deterioramento inquietante" delle relazioni con la Russia è la crisi peggiore e più inutile che, l'Occidente in generale e gli Stati Uniti, dovranno affrontare in questo momento.

"La Russia è sempre stata una potenziale minaccia per l'Europa, e ancora lo è, bisogna tenerlo a mente, — dice Merry. — E le azioni più provocatorie in questi ultimi anni, provenienti da Europa, dalla NATO e dagli Stati Uniti sono state specificatamente condotte contro la Russia".

Dal punto di vista del giornalista, se la tensione di queste relazioni dovesse trasformarsi in un conflitto armato, sarebbe un disastro per l'Occidente. Inoltre, distoglie l'attenzione dalle questioni veramente importanti come il rafforzamento dello "Stato Islamico".

L'autore ripone le speranze nel presidente eletto Donald Trump, ritenendolo come la persona in grado di migliorare le relazioni tra Mosca e Washington.

Pare che Trump voglia cambiare la politica di provocazione della NATO a oriente, ridurre le tensioni con la Russia e "sperimentare le sue reali intenzioni", scrive Merry.

Ritiene che il leader americano dovrebbe prendere una serie di misure che favoriscono l'avvicinamento con la Russia, in particolare, l'annullamento delle sanzioni e la promessa che Washington non avanzerà nessuna "pretesa" nei confronti dell'Ucraina, della Georgia, della Moldavia e della Bielorussia.

Per quanto riguarda la questione siriana il nuovo presidente USA non dovrà insistere sulle immediate dimissioni di Bashar al-Assad, che Mosca sostiene. "Il nemico è lo Stato Islamico, non Assad", spiega il giornalista.

Inoltre, gli Stati Uniti dovrebbero indirizzare gli sforzi diplomatici per allontanare la Russia dal "flirt" con la Cina. "Delle forti relazioni russo-cinesi sarebbero un danno per gli interessi degli Stati Uniti", dice Merry. Secondo il giornalista, i rapporti tra Pechino e Washington nel corso dei prossimi 20 anni peggioreranno, e per questo non mantenere delle relazioni positive con Mosca sarebbe sconsiderato.

"Si dia una possibilità alla diplomazia e si ponga fine provocazioni dell'Occidente, in modo di dare alla Russia la possibilità di respirare liberamente nel proprio ambiente. Poi avremo la possibilità di capire quanto essa sia espansionista e minacciosa in realtà…", — riassume Merry.

Correlati:

USA, Tillerson al dipartimento di stato migliorerà le relazioni Washington-Mosca
Europa capisce l’importanza delle relazioni con la Russia
Trump, Camera commercio Usa in Russia: avvierà corso per rinnovare relazioni con Mosca
Tags:
Politica Internazionale, relazioni diplomatiche, rapporti bilaterali, relazioni Usa-Russia, Rapporti Russia-UE, The National Interest, Mondo, USA, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik