14:53 18 Gennaio 2018
Roma+ 14°C
Mosca-7°C
    Vigil in memory of Sochi air crash victims

    Trovata la prima scatola nera del Tu-154, sollevata in superficie

    © Sputnik. Nina Zotina
    Mondo
    URL abbreviato
    2141

    La macchina subacquea Falkon ha trovato la prima scatola nera del Tupolev Tu-154 inabissatosi nel Mar Nero, ad una profondità di 17 metri, ha riferito il Ministero della Difesa

    "Durante la notte la perlustrazione della zona dell'incidente aereo del Tu-154 è continuata senza sosta. Lo sforzo principale dell'operazione di ricerca è stato concentrato sull'esplorazione dettagliata della zona di presunta caduta dell'aereo. Alle 5 e 42, fusorario di Mosca, a  1600 metri dalla costa, ad una profondità di 17 metri, teleguidata, la macchina Falkon ha trovato la scatola nera" si legge nel comunicato.

    L'ufficio ha anche detto che nelle prossime ore il registratore con le trascrizioni verrà consegnato all'aviazione. In precedenza, i soccorritori hanno detto che di non aver trovato la scatola nella coda dell'aereo, dove doveva trovarsi il registratore. Oltre alla scatola nera, altri resti sono stati sollevati e portati a riva dai soccorritori.

    I dati delle scatole nere aiutano i professionisti a stabilire le cause della tragedia. Secondo il Servizio Federale di sicurezza, attualmente la versione è un guasto aereo, l'ingresso di corpi estranei nel motore, un errore del pilota o la scarsa qualità del carburante. Segni di un attacco terroristico non sono stati individuati.

    Il Tu-154 del Ministero della Difesa russo, che si stava dirigendo in Siria, si è schiantato nei pressi di Sochi domenica mattina. Secondo le autorità, a bordo c'erano 92 persone: otto membri dell'equipaggio e 84 passeggeri.

    Correlati:

    Telegramma del presidente cinese a Putin per la sciagura aerea di Sochi
    Il cordoglio dei lettori di Sputnik Italia per la tragedia di Sochi
    Commemorazione delle vittime del disastro aereo di Sochi
    Tags:
    Incidente, Coro dell'Armata Rossa, Sochi
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik