17:23 22 Settembre 2017
Roma+ 23°C
Mosca+ 15°C
    Navi della Flotta russa del Mar Nero

    Defence24: Russia presenta "navi-sabotatori"

    © Sputnik. Sergey Malgavko
    Mondo
    URL abbreviato
    11906271

    In Russia hanno presentato due nuove navi del progetto 03160 "Raptor". Il Ministero della Difesa ha nominato ufficialmente la loro pattuglia, ma, come scrive Defence24, questi mezzi sono progettati per operazioni di sabotaggio

    Nonostante alcuni difetti di questa serie, dopo aggiornamenti e miglioramenti, queste navi adesso rappresentano una grave minaccia per i probabili avversari della Russia. Le Raptor consentono spostare velocemente gruppi speciali nelle regioni costiere e lungo le foci dei fiumi. La messa in acqua delle Raptor è avvenuta a Pietroburgo, nel cantiere navale Pella, con la presenza di rappresentanti della flotta russa. Inizialmente il progetto prevedeva la realizzazione di otto imbarcazioni entro dicembre 2015, per l'armamento della flotta, ma le altre nuove navi del progetto 03160 saranno consegnate entro il 2018.

    Le Raptor sono barche di nuova generazione, progettate per l'esecuzione di attivitàmilitari alla luce e al buio, hanno possibilità di trasporto di unità di fanteria marina fino a destinazione, sono dotate di software mobile per lo sbarco a terra o altre superfici. Come scrive il giornale, le navi sono "in grado di trasportare, di intercettare e trattenere bersagli anche in superficie e di eseguire operazioni di ricerca e salvataggio".

    Ma come scrive l'autore dell'articolo, in realtà la vera missione di queste navi è legata  in primo luogo ad operazioni di sabotaggio speciali. Le navi Raptor sono di piccole dimensioni, ma questo non è importante, perché la Marina prevede di utilizzarle solo nella zona costiera, lungo le foci dei fiumi e in zone del mondo, come, ad esempio, la baia di Kaliningrad. Le Raptor sono ancora in fase di sperimentazione, sotto osservazione per le condizioni di lavoro, dai membri al comando e dalle truppe da sbarco. Sono state create senza di tecnologie stealth ed è possibile valutare il risultato del lavoro dei progettisti russi proprio dalla riduzione dell'uso del radar di riflessione. In realtà, oltre a forme compatte, l'unico elemento caratteristico delle tecnologie stealth sono le piccole dimensioni delle basi che ospitano il radar. Queste  tecnologie consentono il combattimento a distanza. Il posto che occupano è nella parte centrale della nave, proprio come nelle Raptor, che forniranno supporto alle forze a terra.

    Grazia al modulo ottico-elettronico delle Raptor è possibile gettare un ponte sincronizzato con le mitragliatrici panzer di calibro 14,5 millimetri. La potenza di fuoco può aumentare con l'aiuto di due mitragliatrici Peceneg con il calibro 7,62 millimetri, nella parte centrale del veicolo dove sono installate, insieme alle armi presenti a bordo delle truppe da sbarco. Tuttavia, come conclude l'autore dell'articolo, i meriti di Raptor sono soprattutto che queste navi possono essere facilmente modificate, sfruttando l'esperienza del funzionamento di altre barche. La base per il miglioramento è in un buon sistema di propulsione e un moderno sistema di controllo, in cui la maggior parte dei dati viene visualizzata su schermi piatti.

    "Grazie al perfezionamento degli equipaggiamenti di bordo e di sbarco, i russi possono ottenere un trasferimento efficace della flotta. Dopo che le modifiche saranno attuate, i Paesi che convivono con la Russia, dovranno tener conto dei loro piani difensivi o di nuove minacce" scrive Defence24.

    Correlati:

    Flotta russa del Mar Nero in allerta nel corso dell’esercitazione missilistica in Ucraina
    Russia, consegnato ultimo sottomarino alla flotta russa del Mar Nero
    Nave russa della Flotta del Mar Nero bombarda le posizioni dei terroristi in Siria
    Tags:
    nave, navi, marina russa, Flotta del Nord, Russia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik