Widgets Magazine
20:08 15 Luglio 2019
Presidente della Fifa, Gianni Infantino

Doping, Infantino: boicottare Russia e Qatar non risolve problemi

© AFP 2019 / FABRICE COFFRINI
Mondo
URL abbreviato
160

"Nel 2018 i controlli non saranno effettuati dalla Russia ma dalla Fifa. Se qualcosa andrà storto ce ne assumeremo la responsabilità".

Boicottare i mondiali di calcio previsti rispettivamente in Russia e in Qatar nel 2018 e nel 2022 non risolverà i problemi di droga. Tanto più che la Russia non condurrà i test sul doping visto che sarà la Fifa ad assumersene la responsabilità. Così il presidente della Fifa, Gianni Infantino.

"In Russia e in Qatar, e così nel resto del mondo, i cittadini adorano il calcio. I boicottaggi e le privazioni non hanno mai portato ad alcuna soluzione. Se ci sono problemi, dobbiamo affrontarli, analizzarli, discuterli. Dobbiamo guardare avanti", ha detto Infantino allo Spiegel.

Infantino ha anche sottolineato che la Fifa ha il proprio sistema di controllo del doping e che durante i mondiali del 2010 e del 2014 i test sono stati condotti dalla Fifa.

"Nel 2018 i controlli non saranno effettuati dalla Russia ma dalla Fifa. Se qualcosa andrà storto ce ne assumeremo la responsabilità. Ma siamo sicuri che le misure antidoping funzioneranno".

Correlati:

Fifa, Russia: Putin incontra Infantino e garantisce che stadi saranno pronti in tempo
Calcio, amichevole Russia-Italia prima dell’inizio dei Mondiali
Quale sarà il talismano dei Mondiali di calcio 2018?
Tags:
doping, Mondiali di calcio 2022, Mondiali di calcio 2018, FIFA, Gianni Infantino, Qatar, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik