07:54 09 Agosto 2020
Mondo
URL abbreviato
9180
Seguici su

Il Senato Usa sotto l’influenza della compagnia petrolifera Exxon Mobil ha prolungato l’esame di un progetto di legge il quale complicherebbe la revoca delle sanzioni contro la Russia scrive il “Politico”.

Le sanzioni degli Stati Uniti contro la Russia sono state introdotte nel 2014 con un decreto del presidente Barack Obama. Secondo l'espressione del "Politicо", il prossimo leader degli Stati Uniti, Donald Trump, potrà annullarle "con un tratto di penna".

Per evitare una tale situazione, nel mese di aprile, il congresso degli Stati Uniti ha proposto di adottare il cosiddetto atto di stabilità e di democrazia per l'Ucraina (Stability and Democracy (STAND) for Ukraine Act).

Gli autori del disegno di legge ritengono che l'autorità del presidente degli Stati Uniti di abolire le sanzioni anti-russe dovrebbe essere legata allo status della Crimea. Così, le sanzioni potrebbero essere annullate solo se il presidente potrà confermare al Congresso "la restituzione della sovranità sulla Crimea all'Ucraina," o che "la decisione sullo status della penisola passi sotto il controllo internazionale e che venga riconosciuto dal governo ucraino democraticamente eletto."

Nel caso il disegno di legge dovesse passare sarebbe valido per cinque anni. La scorsa settimana era previsto l'esame del disegno di legge al senato, ma questo non è accaduto grazie all'influenza dei lobbisti della società Exxon Mobil, scrive il Politico. Dal 3 gennaio 2017 inizierà il lavoro del Senato della nuova convocazione.

Per Exxon Mobil le sanzioni antirusse hanno portato molte perdite: la compagnia è stata costretta a sospendere una serie di collaborazioni con "Rosneft". Questa situazione è diventata causa di divergenze tra Exxon Mobil e le autorità americane, si fa notare nell'articolo.

Correlati:

Usa, con nomina ex ceo Exxon via a nuova era rapporti con Russia
USA, Tillerson al dipartimento di stato migliorerà le relazioni Washington-Mosca
Ex ambasciatore USA su Tillerson: esperto nell’arte degli affari internazionali
Tags:
Sanzioni, lobbying, Economia, Congresso, ExxonMobil, Donald Trump, Barack Obama, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook