Widgets Magazine
11:52 25 Agosto 2019
Polizia tedesca

Germania, baby-terrorista tenta di far esplodere una bomba ai mercatini di Natale

© Foto: Youtube/EnjoyFirefighting
Mondo
URL abbreviato
3012

Un dodicenne è stato arrestato ieri per aver tentato di far esplodere un ordigno artigianale imbottito di chiodi ai tradizionali mercatini di Natale di Ludwigshafen.

Il nome del ragazzino non è stato divulgato in rispetto delle legge a difesa dei minori, ma il pubblico ministero ha dichiarato che il sospetto ha agito su ordine del sedicente Stato Islamico.

Nato in Germania da genitori iracheni, se dovesse essere condannato sarebbe il più giovane attentatore dell'ISIS in Europa.

I dettagli dell'accaduto sono stati resi noti dalla rivista Focus che ha riferito che il ragazzo ha tentato due volte di far esplodere una rudimentale bomba fatta in casa.

Il primo episodio risale al 26 novembre, quando il ragazzino ha abbandonato l'ordigno nascosto in uno zaino presso i mercatini di Natale. Fallita l'esplosione, il sospetto ci ha riprovato una settimana dopo, il 5 dicembre, collocando lo zaino con la bomba di fronte al municipio. Nella seconda occasione lo zaino è stato notato da un passante che ha avvertito le forze dell'ordine. La polizia all'interno ha trovato un barattolo di vetro pieno di chiodi.

«Era un barattolo con un foro sul coperchio e un filo. Al suo interno vi erano materiali pirotecnici che vengono utilizzati per i fuochi d'artificio. Per fortuna non si sono innescati», ha spiegato Hubert Strober dell'ufficio del procuratore locale al quotidiano Bild. La polizia ha detto comunque la miscela si sarebbe incendiata ma non esplosa.

 

Correlati:

Germania, il Cremlino ordinerebbe gli stupri ai rifugiati per detronizzare la Merkel
Germania, arrestato migrante sospettato di aver stuprato e ucciso figlia funzionario UE
Germania, mappa indica oltre 10.000 punti in cui i migranti hanno commesso crimini
Tags:
bomba, Arresto, sospetto, Attentato, Attentato terroristico, Terrorismo, ISIS, Germania
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik