09:11 21 Novembre 2019
Barack Obama

Obama accusa Putin per i cyberattacchi e attacca la Russia: paese piccolo e debole

© AP Photo / Michael Sohn
Mondo
URL abbreviato
81267
Seguici su

Il presidente uscente degli Stati Uniti nella sua ultima conferenza stampa di fine anno di ieri ha dichiarato che Putin è a conoscenza dell’interferenza russa nelle elezioni americane e ha esortato il suo successore Donald Trump ad investigare sulla vicenda.

«Senza Putin in Russia non si muove una foglia», ha detto Obama.

Il presidente ha ricordato di aver avvertito Putin che potrebbero esserci serie conseguenze e di una risposta «proporzionale» degli USA agli attacchi hacker che secondo molti democratici avrebbero favorito la vittoria di Trump.

Obama ha anche manifestato sconcerto per gli elettori repubblicani e i loro esponenti che appoggiano Putin, osservando che «per ora Ronald Reagan si sta rigirando nella tomba».

«I russi non ci cambieranno e non ci indeboliranno. Sono un piccolo paese; una nazione debole. La loro economia non produce nulla che qualcuno voglia comprare a parte petrolio, gas e armi. Non hanno fatto innovazioni. Ma possono influenzarci se perdiamo il senso di chi siamo. Possono colpirci se abbandoniamo i nostri valori», ha detto Obama.

Correlati:

Consigliere di Obama svela retroscena dell'incontro del presidente USA con Putin al G20
Usa, Obama non firma legge su prolungamento sanzioni Iran
Usa, Trump: prendo molto sul serio consigli di Obama su squadra di governo
Tags:
Accuse, interferenza, Attacchi informatici, campagna elettorale, critiche, hacker, Hackeraggio, Ronald Reagan, Vladimir Putin, Barack Obama, USA, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik