12:03 18 Novembre 2019
Aleppo, Siria

Siria, la vera situazione ad Aleppo raccontata da un operatore umanitario

© REUTERS / Ammar Abdullah
Mondo
URL abbreviato
6390
Seguici su

Sputnik ha intervistato l'operatore umanitario Pierre Le Corf che presta servizio ad Aleppo per capire meglio la realtà locale alla luce degli eventi recenti.

Le Nazioni Unite parlano di omicidi e stragi. Di cosa si tratta?

«È difficile rispondere a questa domanda. Ho letto i rapporti che sono stati scritti su questo argomento e che presto sono stati giudicati inattendibili. Non ho davvero opinioni sulla questione… l'unica cosa che posso dire è che lavorando vicino al corridoio [umanitario]… non ne ho mai sentito parlare. Ho appreso questa notizia attraverso i mezzi di comunicazione. Credo che sia difficile comunque da verificare.»

Ad Aleppo la situazione è davvero allarmante. Il presidente di Medici senza frontiere ha dichiarato all'agenzia AFP che ci sono ancora circa 100.000 persone sono ancora intrappolate in un'area di 5 chilometri quadrati. Qual è la situazione locale?

«Rimangono soltanto 2,5 chilometri quadrati di territorio in mano ai guerriglieri. E in quest'area sono rimaste poche persone. Non ho le cifre esatte. Tutto quello che posso dire è che si tratta di meno di 5.000 persone.»

Come hanno vissuto gli abitanti di Aleppo est prima di scappare in Occidente?

«Ci tengo a dire che le persone che vivono qui sono felici. Sono felici perché si sono stancati di uscire con la paura di morire, di mandare i figli a scuola con il terrore che sarebbero stati uccisi. Allo stesso modo, le persone che vengono qui dalle altre parti sono felici di sapere che qui non piovono più bombe dal cielo.»

I media hanno condannato all'unanimità i massacri ad Aleppo e definito i guerriglieri degli eroi. Cosa ne pensa?

«Sono stanco di queste dichiarazioni perché i ribelli ad Aleppo, quelli che definiscono eroi, appartengono ai gruppi islamici che hanno commesso eccidi su eccidi. Sono i tagliagole. Queste persone non sono venute a darci la libertà e la democrazia.»

Correlati:

La popolazione di Aleppo scende in strada a festeggiare la liberazione della città
Lavrov: esperti indipendenti non confermano informazioni su atrocità ad Aleppo
Siria, una targa ricorderà i medici russi morti nel bombardamento dell’ospedale di Aleppo
Tags:
Notizie, Informazioni, Media, Terrorismo, Situazione in Siria, Aleppo, Siria
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik