09:06 26 Settembre 2017
Roma+ 14°C
Mosca+ 11°C
    Soldati siriano combattono Stato Islamico a 20km da Palmira

    Esperto militare spiega come Daesh è entrato di nuovo a Palmira

    © Sputnik. Mikhail Voskresenskiy
    Mondo
    URL abbreviato
    83136125

    I terroristi dello Stato Islamico sono riusciti a entrare nuovamente Palmira grazie alla “tecnologia cloud” che ha nascosto i loro movimenti ritiene il politologo e docente della cattedra di politologia e sociologia dell’Istituti REU Plechanov, Aleksandr Perendžiev.

    In precedenza una fonte siriana, famigliare con la situazione locale, ha comunicato a RIA Novosti che gli abitanti di Palmira sono stati evacuati dalla città e che l'esercito siriano sta conducendo una feroce battaglia nelle periferie con i guerriglieri di Daesh i quali sono nuovamente entrati in città. Secondo il Centro russo per la riconciliazione del conflitto in Siria più di 4000 militanti dello Stato Islamico dopo essersi organizzati hanno tentato di riconquistare Palmira.

    "I terroristi in Siria utilizzano una complessa tattica di spostamento in piccoli gruppi, così chiamata "tecnologia cloud". Camuffati da beduini, da abitanti locali e persino da soldati dell'esercito siriano giungono da diverse direzione e si raggruppano in un luogo poco sorvegliato. Una volta raccoltisi attaccano improvvisamente in grandi forze" ha detto Perendžiev a RIA Novosti questo lunedì.

    Ha aggiunto che, grazie ai preparativi ben nascosti nella periferia di Palmira, i terroristi hanno sfruttato a proprio vantaggio un attacco a sorpresa, contro il quale l'esercito siriano non ha avuto il tempo e la capacità di organizzarsi per proteggere la città sotto l'assalto dei militanti, trovandosi a dover difendere prima se stesso.

    "Con questo metodo i terroristi hanno conquistato più di una città, e non siamo ancora riusciti a prevedere e a contrastare queste tattiche, perché richiede che l'accademia dello Stato Maggiore faccia delle lunghe analisi su questa strategia". Ha detto l'esperto.

    Secondo lui, l'esercito siriano, nonostante la mancanza di dati sugli spostamenti dei terroristi, dovrebbe essere pronto al contrattacco a Palmyra, perché a poca distanza della città, sulla strada per Raqqa ci sono dei pozzi petroliferi, che i terroristi hanno intenzione di difendere a tutti i costi.

    Il Centro russo per la riconciliazione del conflitto in Siria ha riferito che i militanti hanno trasferito molte unità a Palmira dalla zona di Raqqa, dove le operazioni militari della coalizione USA contro i terroristi è stata sospesa la scorsa settimana. Anche le riserve e i mezzi corazzati dello Stato Islamico sono stati trasferiti a Palmyra dalla zona di Deir ez-Zor.

    Secondo le informazioni del Centro, sono stati trasferiti fino a 5000 guerriglieri nella zona di Raqqa e di Deir ez-Zor da Mosul.

    Correlati:

    “Palmira è caduta nel nome degli interessi strategici di Washington”
    Governatore Homs: esercito siriano ha fatto evacuare 80% residenti di Palmira
    Esperti spiegano perché Daesh cerca di conquistare di nuovo Palmira
    Tags:
    ISIS, conflitto, Guerra, Palmira, Conquista, Guerra, scontri, assalto, Liberazione Palmira, Esercito della Siria, Siria, Palmira
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik