Widgets Magazine
07:11 18 Settembre 2019
Eni

Eni vende a Rosneft 30% nella concessione off shore Shorouk

CC BY-SA 2.0 / Luca Mascaro / ENI Monza Rally Show 13-55-20
Mondo
URL abbreviato
10122
Seguici su

Corrispettivo di 1.125 milioni di dollari e il rimborso pro quota investimenti già effettuati.

Eni ha concordato la cessione a Rosneft di una quota del 30% nella concessione di Shorouk, nell'offshore dell'Egitto, nella quale si trova il giacimento super-giant a gas di Zohr.

Eni, attraverso la sua controllata IEOC, detiene attualmente una quota di partecipazione nel blocco del 90% dopo la recente cessione di un primo 10% a BP, in fase di completamento. Le condizioni concordate prevedono un corrispettivo di 1.125 milioni di dollari e il rimborso pro quota da parte di Rosneft degli investimenti già effettuati, pari a oggi a circa 450 milioni di dollari.

Inoltre, Rosneft avrà un'opzione per l'acquisto di un'ulteriore 5% di partecipazione alle medesime condizioni. Questa operazione conferma la validità della strategia di "dual exploration" di Eni che consiste nel perseguire, in contemporanea al rapido sviluppo delle riserve scoperte, la loro parziale diluizione al fine di anticipare la monetizzazione del loro valore. Con questa transazione gli incassi complessivi realizzati negli ultimi quattro anni in applicazione del "dual exploration model" saranno pari a circa 6,3 miliardi di dollari.

Correlati:

“Mattei obiettivo Egitto”,il saggio sulla politica estera “corsara” del fondatore dell’ENI
Putin: privatizzazione Rosneft “il più grande affare su mercato energetico quest’anno”
Rosneft cercherà di imparare a controllare il movimento degli iceberg nell'Artico
Tags:
acquisto, gas, ENI, Rosneft, Italia, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik