Widgets Magazine
07:31 23 Agosto 2019
Russia Today

“Agenti del Cremlino”, ex ambasciatore USA in Russia vuole schedare Sputnik e RT

© Sputnik . Evgeny Biyatov
Mondo
URL abbreviato
25244

L'ex ambasciatore degli Stati Uniti in Russia Michael McFaul ha proposto di pensare ad una legge ad hoc per assegnare lo status di “agenti stranieri” a Sputnik e al canale RT, dal momento che secondo l'ex diplomatico avrebbero sostenuto il repubblicano Donald Trump durante le presidenziali di novembre.

L'attuale legge sugli agenti stranieri (FARA) in vigore negli Stati Uniti vieta ai candidati alla Casa Bianca di ottenere finanziamenti stranieri, ma non limita le attività dei media, che sono protette dal primo emendamento della Costituzione degli Stati Uniti sulla libertà di parola. McFaul ritiene possibile rivedere le limitazioni della legge relative ai media.

"Sappiamo che i media controllati dal governo russo, come RT e Sputnik, si sono schierati apertamente con Donald Trump durante la campagna elettorale… Abbiamo leggi che impediscono ai governi stranieri di finanziare i candidati. Forse dovremmo avere leggi sul supporto non monetario?", — si domanda McFaul in un editoriale sul Washington Post.

"Sembra che questa norma sia difficile ed entri in conflitto con il primo emendamento (che garantisce la libertà di parola, ndr), ma i nostri legislatori non dovrebbero fare qualcosa? I collaboratori di Sputnik e RT dovrebbero essere accreditati come giornalisti o come agenti stranieri in base alla legge? Non lo so, ma abbiamo bisogno di saperlo", — ha scritto McFaul.

Allo stesso tempo McFaul non ha portato prove concrete a sostegno della tesi del sostegno di questi media a Donald Trump.

Inoltre gli sforzi per limitare il lavoro dei media russi, in contrasto con i principi democratici della libertà di espressione e di informazione, vengono attivamente intrapresi nell'Unione Europea.

Recentemente il Parlamento europeo ha adottato una risoluzione intitolata, "Comunicazioni strategichi della UE: come contrastare la propaganda di terzi", in cui si esorta a prendere provvedimenti di censura contro Sputnik e RT poiché secondo il documento minerebbero all'unità della stessa Unione Europea.

Correlati:

Censura media russi, l’OSCE risponde a Sputnik
Censura, l'ultimo requiem dell'Occidente
Cosa peggiore per pensiero unico è visione alternativa: critiche a censura antirussa UE
Censura Ue, solidarietà al gruppo Rossiya Segodnya da giornalisti di tutto il mondo
Ex ambasciatore americano McFaul prosegue la sua crociata contro la Russia
Ex ambasciatore USA in Russia: media e leader occidentali sottovalutano RT e Sputnik
Tags:
Democrazia, Russofobia, Giornalismo, Censura, Presidenziali USA 2016, RT, Sputnik, media, Donald Trump, Michael McFaul, Russia, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik