20:55 18 Febbraio 2018
Roma+ 10°C
Mosca-3°C
    Aleppo, Siria

    Medici russi curano i rifugiati ad Aleppo

    © REUTERS/ Ammar Abdullah
    Mondo
    URL abbreviato
    1240

    Le condizioni di vita intollerabili hanno costretto gli abitanti di Aleppo a fuggire alla prima occasione dai territori occupati dai terroristi di “Al-Nusra”.

    Un sopravissuto del quartiere Al-Sachur di Aleppo est, Abu Ahmad ha raccontato all'agenzia Sputnik che i terroristi di "Al-Nusra" avevano minacciato di uccidere lui e la sua famiglia se avesse tentato di scappare. Nonostante le minacce però ha deciso di fuggire lo stesso. Sua sorella è stata ferita perché i terroristi hanno sparato sui civili che scappavano dal territorio occupato. Nel video viene mostrata la vita dei rifugiati e la consegna degli aiuti umanitari.

    Gli abitanti di Aleppo, i quali sono riusciti a fuggire dai territori occupati dai terroristi vivono in un campo profughi costruito dal governo siriano e russo. Per coloro che non riescono a giungere il punto di distribuzione, c'è una automobile pronta a trasportare i beni di prima necessità.

    Abu Ahmad ha aggiunto "le sofferenze inferte dai terroristi di "Al-Nusra" hanno obbligato la nostra famiglia, 4 adulti e 3 bambini, a lasciare tutto e a fuggire. Grazie ai soldati siriani che hanno rischiato la loro vita per far si che ci salvassimo. Ci hanno fornito una macchina per portarci al più vicino ospedale da campo dove dei medici russi hanno medicato mia sorella, ferita dai terroristi, e ci hanno ospitato in delle strutture temporanee per i rifugiati".

    Correlati:

    Siria, morto un colonnello russo nei bombardamenti ad Aleppo
    Aleppo, si arrendono i ribelli ad est della città
    Siria, Lavrov: USA revocano proposta di risoluzione della situazione ad Aleppo
    Tags:
    rifugiati, conflitto, Aiuti umanitari, Guerra, rifugiati, Aiuti umanitari, Aiuti umanitari russi in Siria, soccorso, Attacco su Aleppo, Guerra, terrorismo, minaccia, Al-Nusra, Esercito della Siria, governo, Aleppo, Siria
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik